Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Una difesa naturale contro le tossine


Due geni controllano alcune reazioni biochimiche protettive

Un team di biologi dell'UniversitÓ della California di San Diego ha scoperto un meccanismo biochimico che consente alle cellule di combattere una classe di tossine prodotte da un vasto numero di batteri che causano malattie. La ricerca, descritta sull'edizione online della rivista "Proceedings of the National Academy of Sciences", potrebbe aprire la strada allo sviluppo di nuovi e pi¨ efficaci trattamenti contro le malattie batteriche che colpiscono o uccidono milioni di persone ogni anno, come la polmonite, la febbre reumatica e la sindrome da shock tossico. Il punto essenziale dello studio Ŕ la scoperta che le cellule di tutti gli animali - dai vermi ai mammiferi - possiedono un meccanismo naturale di difesa per respingere determinati tipi di batteri che secernono tossine per formare minuscoli fori nelle membrane delle cellule che infettano.
Gli scienziati stimano che queste tossine costituiscano circa un quarto di tutti i "fattori di virulenza" noti per aumentare le infezioni e la gravitÓ delle malattie batteriche. "Per la prima volta - spiega il biologo Raffi V. Aroian, che ha guidato lo studio - abbiamo un'idea di come il sistema immunitario innato reagisce per proteggersi da un sistema batterico molto virulento". Le tossine di questo tipo vengono usate da batteri come Staphylococcus aureus, la pi¨ comune causa di infezione in ospedale, e Streptococcus pneumonia, il batterio responsabile dell'otite media e della polmonite. Le tossine svolgono un ruolo anche nelle infezioni di Helicobacter pylori, che provoca l'ulcera, di Legionella pneumophila, responsabile del morbo del legionario, e di Streptococcus pyogenes, che pu˛ portare alla faringite, alla scarlattina e ad altri disturbi. I collaboratori di Aroian hanno determinato quali geni dei nematodi si attivano quando entrano in contatto con la tossina Cry5B (prodotta da Bacillus thuringiensis) o con una dose equivalente di cadmio, un metallo pesante tossico. Due geni che si attivavano nel primo caso ma non nel secondo, SEK1 e KGB1, hanno un ruolo importante anche nell'immunitÓ degli esseri umani e controllano due serie di reazioni biochimiche che consentono ai vermi di sopravvivere a un'esposizione di 30 minuti di una dose elevata di tossina Cry5B.

Fonte: Le Scienze (20/07/2004)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: tossin%
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy