Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Test su uomo prime molecole anti Alzheimer


Piu vicini ai primi farmaci anti-Alzheimer che cercano di rallentare il decorso della malattia e non alleviare i sintomi, come fanno le uniche medicine ora in commercio. Infatti alla International C

Piu' vicini ai primi farmaci anti-Alzheimer che cercano di rallentare il decorso della malattia e non alleviare i sintomi, come fanno le uniche medicine ora in commercio. Infatti alla International Conference on Alzheimer's Disease and Related Disorders (ICAD), organizzata dalla Alzheimer's Association sono stati presentati i risultati positivi dei primi cicli di sperimentazione sull'uomo di alcune sostanze che impediscono l'accumulo della proteina 'beta-amiloide', principale indiziata della malattia. La molecola si stipa nei neuroni dei pazienti forse contribuendo alla loro morte. Tra le soluzioni prospettate vi e' la molecola (NC758) messa a punto da un'azienda canadese e testata su un gruppo di pazienti da Paul Aisen, del Department of Neurology and Medicine alla Georgetown University Medical Center risultata sicura e ben tollerata ed anche efficace, dopo 3 mesi di trattamento, a tenere a bada le molecole di beta amiloide impedendogli di appiccicarsi l'un l'altra e formare degli ammassi nei neuroni.
L'efficacia di NC758 contro l'Alzheimer - dichiara Aisen - sta per essere testata in una sperimentazione di fase tre su un maggior numero di malati''. Il suo meccanismo d'azione e' quello di bloccare gli enzimi 'secretasi' che producono beta amiloide tagliando delle proteine precursori molto piu' lunghe dette 'APP'. Un'altra compagnia farmaceutica sta tentando lo stesso traguardo con il principio attivo LY450139 che inibisce il funzionamento di uno di questi enzimi, pero' ha appena passato la prima fase di sperimentazione su soggetti sani solo per escluderne potenziali effetti collaterali. Se queste ed altre molecole si rivelassero davvero efficaci a bloccare il decorso della malattia, hanno concluso i relatori che hanno preso parte all'incontro, allora forse potranno divenire la base per le prime terapie per bloccare la neurodegenerazione che avviene nella demenza arrestando la comparsa di sintomi sempre piu' gravi e invalidanti.

Fonte: Ansa (22/07/2004)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: Alzheimer
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy