Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Una ricercatrice italiana all'estero clona il gene della tiroidite autoimmune


Una studiosa italiana nata a Palermo, Sonia Quaratino, che da 15 anni lavora a Londra, ha scoperto allUniversita di Southampton una nuova strada nella ricerca sulle malattie autoimmuni e in particol

Una studiosa italiana nata a Palermo, Sonia Quaratino, che da 15 anni lavora a Londra, ha scoperto all'Universita' di Southampton una nuova strada nella ricerca sulle malattie autoimmuni e in particolare della tiroidite autoimmune (Hashimoto), la piu' frequente malattia autoimmune nel mondo occidentale e in Giappone.
La ricerca, dal team del Cancer Research UK Oncology Unit, e' stata pubblicata da Nature Medicine.
Le malattie autoimmuni quali la tiroidite, la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide, il diabete, colpiscono circa il 10% della popolazione. In particolare, nella tiroidite autoimmune un terzo dei pazienti e' o diventa resistente alle attuali terapie a base di tiroxina. Il gruppo guidato da Sonia Quaratino ha clonato un gene, precisamente il recettore T cellulare (TCR), dalle cellule bianche di una donna malata di tiroidite.
Il gene clonato e' stato inserito nel genoma di un topo. Diventato adulto, l'animale ha sviluppato spontaneamente la tiroidite autoimmune mostrando sintomi analoghi a quelli della paziente, come obesita' e disfunzioni metaboliche.
L'eccezionale scoperta si rivela molto importante per piu' motivi: innanzitutto e' la prima volta che un singolo gene umano (recettore T cellulare) da' origine a una malattia umana con identico quadro istologico e funzionale. Con questo modello transgenico si puo' capire in quale modo la malattia abbia inizio e seguirla nel suo corso cercando di bloccarla o addirittura prevenirla.
Altro motivo di eccezionalita' consiste nel fatto che sara' possibile testare nuovi farmaci su modelli di topo seguendo l'evoluzione della malattia. Un fatto estremamente rilevante e' che per la prima volta un modello di topo ha sviluppato una malattia spontaneamente con gli stessi sintomi della malattia umana: fino ad ora, infatti, esistevano pochi modelli murini spontanei di autoimmunita'. La maggior parte di essi veniva indotta sperimentalmente iniettando antigeni insieme al Mycobacterium tuberculosis che attiva il sistema immunitario. Le malattie indotte pero', di solito molto acute, si risolvono nel giro di tre settimane cosa che invece non e' avvenuto nei topi trattati dal gruppo della studiosa italiana.

Fonte: Aduc (24/09/2004)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: tiroidite
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati
  • News.
  • Blog.
-

 
Disclaimer & Privacy Policy