Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Traffico alterato di ferro favoriscono Alzheimer e Parkinson


Il segreto di Alzheimer e Parkinson potrebbe nascondersi in unalterazione del traffico di ferro nel cervello. Con linvecchiamento, infatti, il ferro presente nel nostro organismo diventa piu toss

Il segreto di Alzheimer e Parkinson potrebbe nascondersi in un'alterazione del 'traffico' di ferro nel cervello. Con l'invecchiamento, infatti, il ferro presente nel nostro organismo diventa piu' tossico e abbondante fino a invadere i neuroni, creando 'ingorghi' e favorendo lo sviluppo di malattie degenerative. L'ipotesi emerge da una rassegna di studi firmata da Luigi Zecca, ricercatore dell'Istituto di tecnologie biomediche del Cnr di Segrate (Milano), e pubblicata su 'Nature Reviews-Neuroscience'. In altre parole, spiega lo scienziato, con il passare degli anni ''il ferro 'impazzisce metabolicamente' e, come un treno che deraglia, puo' uscire dai suoi 'binari' fisiologici uccidendo le cellule del cervello da solo o con la complicita' di altre molecole 'assassine' provenienti dall'ambiente o dal corpo''.
''L'accumulo di ferro cerebrale e il suo alterato metabolismo - sottolinea Zecca - sono spesso eventi precoci, presenti addirittura nella fase pre-sintomatica delle malattie neurodegenerative''. Per questo, aggiunge lo studioso, la prima speranza e' di mettere a punto nuovi test di diagnosi precoce in grado di evidenziare questi accumuli. Secondo i ricercatori, alcune metodiche 'chiave' su cui puntare sono risonanza magnetica, tomografia a emissione di positroni, tomografia a emissione di fotone singolo e ultrasonografia transcranica. Il secondo obiettivo riguarda invece lo sviluppo di nuovi farmaci cosiddetti 'chelanti', capaci di rimuovere dal cervello solo gli accumuli di ferro pericolosi lasciando intatte le riserve essenziali alla vita dei neuroni. Al momento - riferisce una nota - qualche risultato promettente e' stato ottenuto con il cliochinolo nell'Alzheimer. Altre molecole, piu' selettive ma ancora in fase di sperimentazione, sono il VK-28, l'M30, l'HLA-20 e la rasagilina.

Fonte: AdnKronos (15/11/2004)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: Alzheimer, Parkinson
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy