Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

ォRicerca, c定 una svolta sui fondiサ


Moratti: in Europa progetti valutati come le grandi infrastrutture, finanziamenti per 27 miliardi


MILANO - ネ appena tornata da Bruxelles, sfoglia una pila di documenti e parla velocissima, a raffica, il tono felice, ォla grande novit che nascono progetti di ricerca come le infrastrutture materiali, capisce?, viene riconosciuta alla scienza la stessa importanza per lo sviluppo dei Paesi, si sostiene il Corridoio 5 e allo stesso modo le ricerche europee d誕vanguardia, con finanziamenti innovativi, un successo di questo semestre che sar molto importante anche per il nostro Paeseサ. Il ministro Letizia Moratti si concede un pausa, come presidente di turno del ォconsiglio competitivit狃 - che riunisce i responsabili europei di ricerca, mercato interno e industria - porta a casa un elenco di dieci aree di ricerca finanziate da dieci miliardi di euro, ォil programma di sostegno alla ricerca europea ne stanziava 17, ora si arriva a 27, i finanziamenti sono quasi raddoppiatiサ. Ma non si tratta solo di questo. C定 anche la faccenda del ォMit italianoサ, la fuga dei cervelli, i finanziamenti alla ricerca, gli investimenti delle aziende: la Moratti interviene a tutto campo.
Signor ministro, cominciamo dai progetti appena approvati dal suo consiglio....
ォLa nostra lista andr al Consiglio dei capi di Stato e di Governo, il 12 dicembre, per il s definitivo. ネ un primo elenco di interventi prioritari, la cosiddetta quick start list . E fa parte dello stesso gruppo di progetti che comprende le grandi infrastrutture. Gi a luglio Ecofin (i ministri finanziari, ndr ) aveva cominciato a prendere in considerazione la nostra proposta, poi formalizzata in settembre, l段dea di finanziare la ricerca come le infrastrutture materiali e di trasporto: non pi solo i fondi statali ma anche la Bei, la Banca europea. Cos stato: i dieci miliardi di ricerca saranno cofinanziati dalla Bei. Pu sembrare un dettaglio tecnico ma una rivoluzione: la ricerca non pi vista come spesa ma come investimento nello sviluppo dell脱uropaサ.
Ma quali sono, di preciso, e in che modo interessano l棚talia?
ォネ semplice: si aggiungono risorse a livello europeo e l棚talia pu partecipare, abbiamo gi preso contatto con la Bei e presentato la nostra lista, una decina.
Del resto parliamo di progetti che, per essere finanziati, devono essere transnazionali, vedere la partecipazione di pi Paesi. I settori che pi ci interessano, come Italia, sono le telecomunicazioni a banda larga e i laser di prossima generazione, anche la nanoelettronica. Ma nella lista ci sono pure comunicazioni mobili, il potenziamento delle reti di ricerca e istruzione, l弾conomia dell段drogeno per riscaldamento o come carburante, la creazione di una rete satellitare e il sistema Galileo, l段nvestimento sullo studio del genoma e le sue applicazioni...サ.
E il cosiddetto ォIterサ, il sito per la creazione di energia attraverso la fusione nucleare? Perch si scelta la Francia?
ォLo abbiamo approvato all置nanimit, candidando Cadarache come sito e una citt spagnola come sede legale. Adesso l脱uropa dovr vedersela con la concorrenza di Giappone e Canada. E se ce la facessimo, ne guadagnerebbero tutti: come Italia abbiamo quattromila persone che lavorano nel settore, tra Enea e Euraton...サ.
A proposito di ricerca in Italia: i finanziamenti continuano ad essere assai bassi, rispetto all脱uropa...
ォLa spesa per la ricerca scientifica, tra pubblico e privato, arrivava all1,3 del Pil nel 91 e dieci anni pi tardi, quando sono divenuta ministro, si era scesi all1,07. Nel 2003 abbiamo aggiunto 400 milioni di euro, con questa Finanziaria si arriva a un totale di un miliardo e 700 milioni di investimenti nella ricerca, ed una stima prudenteサ.
S, ma in termini percentuali la media resta pi bassa, no?
ォDipende: quanto ai finanziamenti pubblici alla ricerca, siamo saliti dallo 0,53 allo 0,63 del Pil contro lo 0,66 della media europea: con la Finanziaria ci siamo portati allo stesso livello. Il problema riguarda soprattutto i finanziamenti privati...サ.
Confindustria chiedeva incentivi alle imprese che fanno ricerca .
ォE infatti li abbiamo previsti: si concessa la defiscalizzazione a tutte le imprese che investono in ricerca. In pi, nell置ltimo consiglio dei ministri, abbiamo approvato le esenzioni per le donazioni a scuole, universit e istituti di ricerca: ogni societ che fa donazioni pu dedurle fino al 2 per cento del redditoサ.
Ma perch, secondo lei, le imprese stentano ad investire? Troppa burocrazia?
ォIl problema che il tessuto italiano composto per lo pi di aziende medie e piccole che faticano ad investire in innovazione di prodotto. D誕ltra parte, le imprese non capitalizzano la ricerca, la inseriscono nelle spese, e quindi non risulta dai bilanci: la media, in realt, potrebbe essere pi altaサ.
Torniamo al problema dei fondi pubblici. Il progetto di un ォMitサ italiano, voluto dal ministro Tremonti, non piace a molti scienziati, a cominciare dal Nobel Carlo Rubbia. Non sarebbe meglio investire sugli enti che gi ci sono?
ォA quel progetto stiamo lavorando con il ministro dell脱conomia, siamo in perfetto accordo, con Tremonti mi sono sentita anche oggi per mettere a punto il decreto istitutivo e lo Statuto. Ma non vero che toglie risorse agli altri centri di ricerca, una fondazione, ha caratteristiche diverse: si aggiunge al sistema. E poi abbiamo aumentato le risorse, assunto 1.700 ricercatori, stanziato 20 milioni di euro per i progetti nazionali, non mi sembra si sia tolto nullaサ.
E la fuga dei cervelli?
ォDa quando sto qui sono rientrati duecento professori e ricercatori, investiamo circa 10 milioni di euro l誕nno. Ma francamente mi pare riduttivo parlare di fuga o rientro: c定 una mobilit e circolarit del sapere, per fortuna. Si sono appena stanziati 230 milioni per "Erasmus mundus", un programma di scambio planetario per dottorandi e ricercatori. L段mportante, piuttosto, che non ci sia una stagnazioneサ.

Fonte: Corriere della Sera (28/11/2003)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Societ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati
  • News.
  • Blog.
-
-

 
Disclaimer & Privacy Policy