Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Gli scienziati svedesi propongono un vaccino contro le malattie cardiache


Un team di ricercatori svedesi ha avanzato lipotesi che una campagna di vaccinazione infantile potrebbe aiutare a proteggere da successive malattie cardiache.

Nel corso di una riunione del

Un team di ricercatori svedesi ha avanzato l'ipotesi che una campagna di vaccinazione infantile potrebbe aiutare a proteggere da successive malattie cardiache.

Nel corso di una riunione della European Vascular Genomics Network, svoltasi a dicembre, il team del Karolinska Institute ha dichiarato di aver vaccinato con successo i topi contro l'arteriosclerosi, e si Ŕ detto fiducioso di poter arrivare a cure preventive e a terapie per l'arteriosclerosi nell'uomo. Le placche arteriosclerotiche, formazioni di depositi grassi nelle arterie, sono alla base di molti attacchi cardiaci.

'Si aprono forse nuove possibilitÓ per prevenire con una vaccinazione gli attacchi cardiaci e gl'infarti', ha detto il ricercatore G÷ran Hansson, del Karolinska Institute.

Le malattie coronariche sono in tutto il mondo la principale causa di decesso, con oltre sette milioni di vittime ogni anno, e nei paesi OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) i casi di arteriosclerosi sono stati nel 2000 oltre 174 milioni.
Con l'aumentare dell'etÓ media della popolazione, le cifre sono destinate a salire.

Gli attacchi cardiaci, dovuti di solito a grumi di sangue nelle arterie coronariche che bloccano l'afflusso di sangue all'organo, sopravvengono dopo la rottura delle placche di grasso depositatesi all'interno delle arterie. Come spiega il professor Hansson, viene rilasciata un 'pericoloso miscuglio' di fosfolipidi e proteine che attrae i trombociti e origina la formazione di coaguli.

Come numerosi altri gruppi in tutto il mondo, Hansson e il suo team hanno lavorato per trovare il modo di prevenire la formazione delle placche e hanno iniettato frammenti di OxLDL (oxidised low-density lipoprotein cholesterol) nei topi, constatando uno sviluppo di placche del 70% inferiore rispetto ai topi cui era stata iniettata una soluzione salina. La vaccinazione sembra inoltre aver bloccato lo sviluppo delle placche esistenti.

Nei prossimi due anni Hansson condurrÓ test clinici, in collaborazione con Jan Nilsson dell'universitÓ svedese Lund, che per primo aveva dimostrato i vantaggi del trattamento dei topi con OxLDL.

'Abbiamo ancora molto da imparare', ha concluso Hansson, 'ma siamo sulla buona strada, e i risultati preliminari sono incoraggianti'.

Per ulteriori dettagli sulla European Vascular Genomics Network:
http://www.evgn.org/

Fonte: Cordis (08/01/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: cuore, Svezia
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy