Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Studio italiano, individua nel sangue la 'spia' del rischio di osteoporosi


Grazie a una scoperta tutta italiana sara piu facile individuare le donne piu predisposte allosteoporosi, prevenire la malattia o monitorarla nel tempo. I ricercatori dellospedale Molinette di To

Grazie a una scoperta tutta italiana sara' piu' facile individuare le donne piu' predisposte all'osteoporosi, prevenire la malattia o monitorarla nel tempo. I ricercatori dell'ospedale Molinette di Torino hanno svelato che nel sangue si nasconde una 'spia' del rischio: i globuli bianchi. Nelle pazienti con osteoporosi - evidenzia lo studio, pubblicato sul 'Faseb Journal' - i leucociti mostrano infatti una spiccata tendenza a trasformarsi nei cosiddetti osteoclasti, cellule 'killer' del calcio contenuto nelle ossa e quindi cellule 'complici' dell'osteoporosi. Non solo. I globuli bianchi delle malate producono una quantita' abnorme di citochine, molecole chiave dell'infiammazione e capaci di stimolare la rarefazione del tessuto ossa.
Secondo gli autori, questi dati diventano ''una premessa fondamentale - si legge in una nota delle Molinette - per lo sviluppo di tecniche piu' rapide utili per lo screening delle donne in menopausa''. Metodiche che consentano ''non solo di riconoscere le donne piu' a rischio di osteoporosi, ma anche di controllare gli effetti delle terapie cui vengono sottoposte''. Gli esperti delle Molinette ricordano che in Italia, solo nel 2000, l'osteoporosi ha provocato circa 70 mila fratture al femore, 20 mila fratture vertebrali e 19 mila al polso e ad altre articolazioni, per una spesa sanitaria superiore agli 850 milioni di euro soltanto se si considerano i costi relativi all'intervento chirurgico, al ricovero e alla degenza in ospedale. Ma a questi costi diretti vanno poi aggiunti i costi indiretti legate alle giornate di lavoro perse (dalle pazienti e dai familiari che le assistono), alla dipendenza funzionale e alla necessita' di assistenza a domicilio e di riabilitazione. Senza contare le percentuali di invalidita' post-frattura (50%) e di mortalita' a un anno dell'evento, che rendono l'osteoporosi una malattia sociale.

Fonte: AdnKronos (28/01/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: osteoporosi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy