Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Anticorpo antiosteoporosi, sperimentazione avanzata


Coinvolgera 7.200 pazienti in tutto il mondo il trial clinico (di fase III) di un innovativo anticorpo per la cura dellosteoporosi. La sperimentazione e stata annunciata oggi in occasione del V con

Coinvolgera' 7.200 pazienti in tutto il mondo il trial clinico (di fase III) di un innovativo anticorpo per la cura dell'osteoporosi. La sperimentazione e' stata annunciata oggi in occasione del V congresso europeo su osteoporosi e osteoartrite, organizzato dall'organizzazione mondiale della Sanita' a Roma. Saranno 233 le istituzioni che parteciperanno alla sperimentazione che in Italia sara' condotta da Maria Luisa Brandi a Firenze e da Salvatore Minesola a Roma.
Il farmaco, un anticorpo monoclonale chiamato AMG162, ha superato la fase II della sperimentazione clinica (per determinare sicurezza ed efficacia) e i risultati sono stati presentati oggi per la prima volta da Michael McClung, direttore del Centro per l'osteoporosi di Porland (Oregon) che ha condotto la sperimentazione del farmaco prodotto dalla Amgen, azienda leader nelle biotecnologie.
Lo studio, condotto su 411 donne in menopausa affette da osteoporosi, ha mostrato di ridurre la perdita d'osso, conseguenza della malattia, in maniera significativa e con solo due somministrazioni l'anno.
L'AMG162 e' stato confrontato con placebo e con un altro farmaco (Alendronato) in doppio cieco (ne' i medici ne' le pazienti conoscono la natura del trattamento somministrato).
Il farmaco agisce in soli tre giorni diminuendo fino all'80% la perdita ossea e portando a un aumento della densita' ossea tra il 3 e il 7%, paragonabile al 5% ottenuto con l'Alendronato che tuttavia viene somministrato settimanalmente.
L'anticorpo monoclonale, interamente umano, agisce contrastando l'azione di una molecola che controlla il riassorbimento dell'osso, processo che ne causa la perdita progressiva. Il meccanismo d'azione mina cioe' alla base la causa della malattia. In particolare, AMG162 blocca selettivamente la molecola Rank, responsabile dell'attivazione del processo di perdita ossea. Rank infatti spinge particolari cellule ossee (gli osteoclasti) a 'divorare' l'osso e in questo modo forma buchi che indeboliscono le ossa rendendole fragili e ad alto rischio di fratture.
Nelle persone sane l'azione di Rank e' contrastata da una proteina chiamata osteoprotegina e AMG162 imita la sua azione fisiologica. Il farmaco, secondo gli esperti, potra' essere presto sperimentato anche contro l'artrite reumatoide e le metastasi ossee.


Fonte: Ansa (21/03/2005)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: AMG162, osteoprotegina, osteoporosi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy