Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

La base biologica dei ritmi circadiani


Due orologi interni distinti si sincronizzano con lalba e il tramonto

Uno studio di ricercatori dell'UniversitÓ di Aberdeen e dell'UniversitÓ di Nottingham suggerisce una base anatomica per l'adattamento dell'orologio circadiano dei mammiferi al cambiamento di durata del giorno. Da tempo i biologi si chiedono in che modo i cambiamenti stagionali della durata del giorno alterino il comportamento degli orologi circadiani. Un'ipotesi - per la quale sono state trovate numerose prove - Ŕ che gli orologi circadiani contengano oscillatori "mattutini" e "serali" accoppiati che vengono sincronizzati separatamente con l'alba e il tramonto.
Nel nuovo studio, pubblicato sul numero del 21 giugno della rivista "Current Biology", David Hazlerigg e colleghi hanno considerato la possibilitÓ che popolazioni distinte di neuroni all'interno del principale orologio circadiano dei mammiferi (il nucleo soprachiasmatico dell'ipotalamo, o SCN) possano costituire questi differenti oscillatori.
Misurando i ritmi di espressione genica nel SCN di criceti esposti a lunghezze del giorno differenti, gli scienziati hanno potuto mostrare che le cellule nella regione caudale del SCN sincronizzano la propria espressione genica con l'alba e, quando la durata del giorno aumenta, esibiscono picchi di espressione anticipati rispetto al mezzogiorno. I ricercatori hanno osservato una risposta opposta, ma minore, nelle cellule di un altro gruppo di neuroni, il SCN rostrale. Pertanto, l'espressione genica sincrona nel SCN potrebbe essere una caratteristica dell'acclimatazione a una giornata pi¨ corta, mentre la desincronizzazione regionale aumenta con le giornate lunghe.
Saranno necessari ulteriori studi per stabilire se questo fenomeno si traduce in cambiamenti distinti, indotti dalla lunghezza del giorno, dell'output ritmico di differenti regioni del SCN. Eventuali anormalitÓ nell'adattamento del SCN al cambiamento di durata del giorno potrebbero essere alla base dello sviluppo del disturbo affettivo stagionale (SAD) negli esseri umani.
David G. Hazlerigg, Francis J. P. Ebling, Jonathan D. Johnston, "Photoperiod differentially regulates gene expression rhythms in the rostral and caudal SCN". Current Biology, Vol. 15, R449-R450 (21 giugno 2005). DOI 10.1016/j.cub.2005.06.010

Fonte: Le Scienze (26/06/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: ritmi, circadiani, orologio
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy