Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Studi sul meccanismo di infezione virus

Virus epatite C


Meno difficile studiare il vaccino

Svelato uno dei trucchi che alcuni virus utilizzano per infettare le cellule. Hiv, influenza e parainfluenza cambiano forma a seconda che stiano per entrare nella cellula o siano giÓ riusciti a penetrarvi. L'aver identificato la proteina che muta nel microrganismo che provoca la parainfluenza (il paramyxovirus) consentirÓ ai ricercatori di produrre un vaccino. Alla famiglia dei paramyxovirus sono imputabili alcuni tipi di polmonite, bronchiti, orecchioni e morbillo. "Nonostante i virus dell'Hiv, dell'influenza e della Sars non appartengano alla stessa famiglia - spiega il virologo Robert Lamb, uno degli autori dell'articolo pubblicato dalla rivista Nature - tutti questi virus sono accomunati dallo stesso meccanismo di penetrazione all'interno delle cellule".
Il virologo italiano Fabrizio Pregliasco dell'universitÓ di Milano ha commentato positivamente la scoperta dei colleghi della Northwestern University: "E' un passo fondamentale per creare nuovi farmaci blocca-virus.
La scoperta arriva tra l'altro in un momento importante. In questo periodo infatti sono molto diffuse le sindromi para-influenzali". Queste sindromi si presentano con malesseri simili a quelli dell'influenza, magari anche tosse e raffreddore, ma senza una temperatura abbastanza alta da convincere chi ne Ŕ colpito a rimanere a letto.
"Finora - prosegue Pregliasco - non eravamo riusciti a elaborare strategie efficaci contro queste sindromi a causa dell'abilitÓ del virus, che Ŕ capace di mutare dopo aver infettato le cellule e quindi di sfuggire alla caccia dei ricercatori. Conoscere la struttura della proteine che apre la porta della cellula al microrganismo ci permette di avere un bersaglio per aggredire i paramyxovirus".
La proteina individuata da Lamb e colleghi si comporta come un vero e proprio arpione. Quando individua una cellula che pu˛ essere infettata, si aggancia alla sua membrana esterna e spinge il corpo del virus fino a farlo aderire alla superficie della cellula. Veicola il trasferimento del materiale genetico dal virus alla cellula infettata e contemporaneamente si ripiega su se stessa. Per fotografarla i ricercatori hanno dovuto bloccarla, cristallizzandola proprio nel momento della mutazione, e bombardarla con speciali raggi X per tracciarne il profilo.
Elen.a D.usi

Fonte: LaRepubblica (08/01/2006)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: virus, Hiv, paramyxovirus
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy