Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Predire sviluppo tumori grazie ad analisi del DNA


Per predire il futuro di una cellula potrebbero bastare 25 frammenti di DNA . O meglio: per sapere se una cellula dara' luogo o meno a un tumore, potrebbe bastare la lettura di 25 'tarocchi

Per predire il futuro di una cellula potrebbero bastare 25 frammenti di DNA . O meglio: per sapere se una cellula dara' luogo o meno a un tumore, potrebbe bastare la lettura di 25 'tarocchi' speciali, ovvero di 25 geni che sono strettamente associati all'instabilita' dei cromosomi. E' la scoperta dei ricercatori del Children Hospital Informatics Program (CHIP) del Massachusetts Institute of Technology, che hanno appena pubblicato su Nature Genetics uno studio dove spiegano che nel nostro genoma si nasconde una sorta di 'firma' correlata alla maggiore probabilita' che si sviluppi un tumore.
L'esame microscopico di un tumore, spiegano i ricercatori, non puo' sempre far capire quanto il cancro sia aggressivo, e quindi quanto sia pericoloso per il paziente. Avere quindi un semplice strumento che sia in grado di anticipare ai medici come evolvera' la malattia e' fondamentale perche' si possa scegliere la terapia appropriata.
Usando una tecnica nota come 'gene expression activity', con la quale e' possibile misurare il livello a cui funzionano certi geni del nostro DNA, i ricercatori hanno analizzato 18 campioni di tessuto, che rappresentavano 6 tipi di tumore diverso.
E quello che hanno trovato e' una sorta di 'instabilita'' del DNA che accomunava questi sei campioni: una vera e propria firma, cioe', che e' ricollegabile allo sviluppo del cancro.
''L'instabilita' dei cromosomi - spiega Zoltan Szallasi, tra i ricercatori che hanno ideato lo studio - e' uno dei meccanismi chiave che mantiene attivo il proliferare delle cellule maligne.
Quello che abbiamo ottenuto in laboratorio e' un modo facile per misurare il livello dell'instabilita' dei cromosomi in un campione di tumore''. La tecnica, insomma, potrebbe aiutare gli scienziati nella ricerca di farmaci contro il cancro che riducano questa instabilita', e che quindi contrastino lo sviluppo della malattia; inoltre, con ulteriori sviluppi della tecnica, sarebbe possibile gettare le basi per costruire un vero e proprio strumento diagnostico che possa essere impiegato nella clinica di tutti i giorni.
Non va dimenticato pero' che serviranno ulteriori ricerche per aprire la strada a nuove cure e nuove tecnologie per la diagnosi precoce; di sicuro questo studio ha mosso il primo, importante passo nella giusta direzione.

Fonte: Ansa (05/09/2006)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: DNA
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy