Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Sclerosi Multipla: a gennaio sarÓ disponibile una nuova terapia

Cellule di Schwann: la guaina mielinica per assoni


Si tratta di un anticorpo monoclonale in grado di ritardare la progressione della malattia e ridurre le ricadute

Per i pazienti affetti da sclerosi multipla che non rispondono alle terapie tradizionali, ci sono nuove speranze.
Da gennaio infatti, anche in Italia, sarÓ disponibile il primo anticorpo monoclonale per il trattamento di questa malattia, in grado di ritardare la
progressione della disabilitÓ e ridurre la frequenza delle ricadute. Nel nostro Paese 50.000 individui sono colpiti da sclerosi multipla e ogni anno si verificano 1.800 nuovi casi (pi¨ frequenti fra le donne tra i 15 e i 50 anni).
Il farmaco denominato natalizumab, che Ŕ frutto della ricerca Biogen-DompÚ, Ŕ indicato come unica terapia per i pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente grave (cioÚ caratterizzata da attacchi ben definiti, che si risolvono completamente o parzialmente) a rapida evoluzione o con
elevata progressione della malattia (nonostante il trattamento con beta interferone).

Sulla base dei risultati dello studio clinico di fase III Affirm, condotto su 942 malati in 99 centri in tutto il mondo Ŕ stato dato il via libera per la terapia. Il trial clinico ha fatto osservare la riduzione del rischio di aumento della disabilitÓ del 42% e della frequenza delle ricadute pari al 68% rispetto al placebo. Questo il meccanismo d'azione dell'anticorpo monoclonale: inibisce le molecole di adesione responsabili del passaggio, potenzialmente dannoso, di cellule immunitarie dall'apparato circolatorio verso il cervello e il midollo spinale. Riesce ad impedire questi spostamenti legandosi ad uan proteina presente sulla superficie dei linfociti T (alfa 4-integrina) in modo che questi non possano pi¨ attaccarsi alla barriera ematoencefalica ed attraversarla.
"Si tratta di un passo importante per i pazienti con sclerosi multipla in Italia" afferma Carlo Pozzilli, responsabile del Centro sclerosi multipla ospedale S.Andrea di Roma, che Ŕ uno dei centri italiani coinvolti nella sperimentazione insieme all'UnitÓ operativa diagnosi e cura delle malattie demielinizzanti del Policlinico di Bari, al centro sclerosi multipla Istituto San Raffaele di Milano, alla Clinica neurologica universitÓ di Genova, al Centro sclerosi multipla universitÓ di Cagliari e al Centro di riferimento regionale per la sclerosi multipla dell'universitÓ di Padova.

Redazione MolecularLab.it (19/12/2006)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: sclerosi multipla, natalizumab
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy