Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

10 anni dalla clonazione di Dolly

Meloni OGM


Permane la diffidenza nei cibi con OGM

I consumatori davvero comprerebbero carne e latte proveniente da animali clonati? Parrebbe di no . Non c’è mercato per il latte, la carne ed il formaggio provenienti da animali clonati come dimostra la decisione della principale industria lattiero-casearia degli Stati Uniti (la Dean Food) di non utilizzare il latte prodotto da mucche clonate dopo che numerosi sondaggi hanno evidenziato la netta contrarietà dei cittadini americani. È quanto afferma la Coldiretti in occasione dell'anniversario della clonazione della pecora Dolly, annunciata dieci anni fa dalla rivista scientifica Nature, mentre dalla Gran Bretagna è giunta la notizia che il governo Blair si appresta ad autorizzare la manipolazione genetica degli embrioni umani.
La decisione del colosso agroalimentare statunitense è stata assunta – sottolinea la Coldiretti – nonostante il verdetto scientifico della massima autorità per la sicurezza alimentare negli Stati Uniti (la Food and Drug Administration) abbia stabilito che non ci sono differenze tra mucche, maiali e pecore clonate rispetto agli animali tradizionali.
La diffidenza dei consumatori riguarda anche l’Italia, dove la netta opposizione agli OGM nel cibo emerge dalla “Indagine 2006 COLDIRETTI-ISPO sulle opinioni degli italiani sull’alimentazione” che evidenzia che ben tre italiani sui quattro (74 per cento) che esprimono la propria opinione sono convinti che i prodotti contenenti organismi geneticamente modificati non facciano bene alla salute.
I consumatori – precisa la Coldiretti – non sembrano quindi interessati ai “parenti” più o meno stretti della pecora Dolly, alcuni dei quali sono stati ottenuti con la sperimentazione anche in Italia come il toro Galileo, la cavalla Prometea ed anche un muflone selvatico. Per evitare che dopo il via libera statunitense arrivino, senza saperlo, sulle tavole dei cittadini europei prodotti derivanti da animali clonati importati dagli Stati Uniti occorre introdurre immediatamente – conclude la Coldiretti – l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti come è già stato fatto per la carne bovina e per quella di pollo, ma non ancora per quella di maiale o per i formaggi.

Redazione MolecularLab.it (28/02/2007)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: ogm, alimentazione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy