Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

OGM: chip CNR li identifica comunque nei cibi


Non ce piu scampo per i cibi che contengono Ogm: li smaschererÓ un microarray dellIstituto di te

(ASCA) - Roma, 11 feb - Non c'e' piu' scampo per i cibi che contengono Ogm. Ad identificare i prodotti alimentari che presentano ingredienti geneticamente modificati ci pensa uno strumento analitico, che ricorre al metodo microarray o Dna chip, messo a punto dall'Itb, Istituto di tecnologie biomediche del Cnr di Milano, in collaborazione con le universita' di Parma e Milano.
''La nuova tecnologia'', spiega Gianluca De Bellis, ricercatore dell'Itb, ''utilizza un Dna chip in grado di riconoscere nel Dna dell'alimento sottoposto ad analisi l'eventuale presenza di Ogm mediante l'uso di sonde di acidi nucleici specifiche per il Dna dell'organismo geneticamente modificato, combinate all'azione di enzimi (polimerasi e ligasi) che sono in grado di aumentare incredibilmente la sensibilita' e la specificita' del test.

La positivita' dell'analisi'', prosegue De Bellis, ''viene poi evidenziata per fluorescenza mediante una scansione laser del chip. Questa nuovissima metodologia consente, a differenza di quelle gia' esistenti, di svolgere contemporaneamente analisi multiple su piu' Ogm, velocizzando e semplificando cosi' i processi di controllo sugli alimenti''.
Si tratta di un dispositivo analitico importante poiche' permette, sia agli organi di controllo che alle aziende del settore alimentare, di uniformarsi piu' facilmente alle direttive europee. Queste infatti consentono oggi l'utilizzo e la distribuzione nel mercato comunitario di cinque Ogm (quattro tipi di mais e uno di soia), ma prevedono che la sostanza transgenica sia denunciata in etichetta se la sua presenza e' superiore al limite fissato dello 0,9%. Sul mercato mondiale, soprattutto negli Usa, in Canada, in Cina, ma anche nell'Est europeo, circolano molti altri Ogm e questo innovativo test analitico e' potenzialmente in grado di rilevarli tutti contemporaneamente.
La ricerca, pubblicata sul Journal of agricultural and food chemistry, e' stata condotta nell'ambito del progetto Dna track finanziato dalla Comunita' europea, e, in parte, dall'Agenzia 2000 del Cnr e dal ministero dell'Istruzione, universita' e ricerca attraverso il Progetto strategico agrobiotecnologie.

Fonte: GreenPlanet (12/02/2004)
Pubblicato in Percezione e problemi biotech
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati
  • News.
  • Blog.
-
-

 
Disclaimer & Privacy Policy