Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scienziati identificano il gene che protegge contro l'aterosclerosi

Vaso sanguigno ostruito


Scienziati impegnati in ricerche finanziate dallUE hanno identificato una rete di 37 geni che rispondono a bassi livelli di colesterolo per prevenire laccumulo delle placche nelle nostre arterie c

Scienziati impegnati in ricerche finanziate dall"UE hanno identificato una rete di 37 geni che rispondono a bassi livelli di colesterolo per prevenire l"accumulo delle placche nelle nostre arterie che sono causa di infarti e ictus.

I risultati, che sono pubblicati sulla rivista PLoS Genetics, potrebbero condurre allo sviluppo di nuovi trattamenti per prevenire in primo luogo il crearsi delle placche.

Parliamo di aterosclerosi quando si formano placche all"interno delle pareti arteriose che riducendo l"afflusso di sangue agli organi vitali causano infarti, ictus e persino la morte. La formazione di queste placche inizia giÓ in etÓ giovanile e tutti gli adulti presentano un certo livello di aterosclerosi nelle arterie principali. Nelle societÓ industriali l"aterosclerosi Ŕ la principale causa di infarti e ictus, che insieme causano quasi la metÓ del totale dei decessi.

Sappiamo che abbassando i livelli nel sangue della lipoproteina a bassa densitÓ (LDL) o colesterolo "cattivo", si pu˛ rallentare l"accumulo delle placche e persino ottenere una loro riduzione. Attualmente, questo si ottiene riducendo l"assunzione di colesterolo e attraverso l"uso di medicine conosciute come statine. Tuttavia, le statine spesso causano gravi effetti collaterali.

In questa ultima parte della ricerca, scienziati svedesi hanno studiato dei topi predisposti all"aterosclerosi per identificare i geni coinvolti in questi meccanismi.

Hanno trovato che le lesioni aterosclerotiche si sviluppano lentamente nello stadio iniziale e che successivamente si espandono rapidamente a formare lesioni di stadio avanzato.
Tuttavia, i ricercatori sono riusciti a impedire un ulteriore sviluppo delle placche, abbassando i livelli di colesterolo nel sangue prima che le lesioni raggiungessero uno stadio avanzato.

"Le nostre scoperte sottolineano l"importanza fondamentale della tempestivitÓ degli interventi con agenti che abbassano il colesterolo nel plasma" scrivono gli scienziati. Essi ritengono che i pazienti a rischio di sviluppare complicazioni dovute all"aterosclerosi, come l"ictus o l"infarto, potrebbero trarre beneficio dal fatto di essere trattati giÓ in giovane etÓ. I ricercatori fanno notare che in questo senso sarÓ importante lo sviluppo di tecniche non-invasive per individuare l"aterosclerosi o di marcatori molecolari degli stadi dell"aterosclerosi.

"Precedentemente, gran parte della ricerca era concentrata sull"identificazione di modi per stabilizzare le placche pi¨ pericolose, al fine di prevenire la loro rottura e l"infarto miocardico o l"ictus che ne sarebbero conseguiti" spiega il professor Johan Bj÷rkgren del Karolinska Institute, che ha guidato la ricerca. "La nostra scoperta significa che ora possiamo andare a colpire proprio lo sviluppo delle placche pericolose."

Gli scienziati hanno inoltre identificato una rete di 37 geni che reagiscono a livelli di colesterolo pi¨ bassi agendo tutti assieme nella prevenzione della formazione di placche di stadio avanzato.

"Questa rete e i singoli geni all"interno di essa meritano ulteriore attenzione come obiettivi per le medicine per prevenire la trasformazione di innocue lesioni allo stadio iniziale , in lesioni avanzate, clinicamente rilevanti" hanno dichiarato gli scienziati.

"Sono finiti i tempi in cui si pensava che singoli geni o pathway di geni bastassero a spiegare lo sviluppo di complesse malattie comuni come l"aterosclerosi" commenta il professor Bj÷rkgren. "Ora disponiamo di sufficienti strumenti e conoscenza sulla biologia sistematica per affrontare la complessitÓ di queste malattie nella loro totalitÓ."

Il lavoro Ŕ stato sostenuto dal progetto finanziato dall"UE PROCARDIS ("Precocious coronary artery disease"), che Ŕ finanziato attraverso l"area tematica "Scienze della vita, genomica e biotecnologie per la salute " del Sesto programma quadro (6░PQ).

Fonte: Cordis (15/04/2008)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: PROCARDIS, aterosclerosi, colesterolo, infarti, ictus
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy