Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

La HspB8, promuove la rimozione delle proteine neurotossiche responsabili della SLA


Un alterazione del proteosoma impedisce la rimozione degli accumuli di proteine nei motoneuroni affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica

Novità incoraggianti per fare luce sui meccanismi molecolari alla base della SLA e per nuove prospettive farmacologiche vengono da uno studio svolto da un gruppo di ricercatori milanesi finanziati da Telethon e dalla Fondazione Cariplo e guidati da Angelo Poletti del CEND, il Centro di Eccellenza per lo studio delle malattie neurodegenerative, dell'Università di Milano, Silvia De Biasi del Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie dell'Università degli Studi di Milano e Caterina Bendotti dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. Il lavoro è stato pubblicato, per ora online, sulla rivista Human Molecular Genetics

La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una grave malattia neurodegenerativa caratterizzata dalla perdita progressiva di specifici neuroni, i motoneuroni, responsabili della contrazione dei muscoli che controllano movimento, linguaggio, deglutizione e respirazione.
La malattia, nota per aver colpito numerosi calciatori, si manifesta con una paralisi progressiva dei muscoli volontari, con esito fatale in pochi anni dalla comparsa dei sintomi.

E' da tempo risaputo che i motoneuroni dei pazienti affetti da SLA contengono aggregati di proteine anomale, il cui accumulo può provocare la morte dei neuroni stessi. In studi precedenti condotti su modelli cellulari ed animali di SLA, sempre pubblicati su Human Molecular Genetics (Sau et al, 2007, Cheroni et al, 2009), i tre ricercatori che firmano anche questo ultimo lavoro hanno dimostrato che l'accumulo di proteine anomale dipende da alterazioni di un complesso sistema enzimatico, il proteosoma, normalmente deputato alla degradazione delle proteine intracellulari.

Il lavoro uscito in questi giorni, dimostra che, sia in un modello murino che in due modelli cellulari di SLA, la sovraespressione della proteina HspB8 (una piccola proteina normalmente attivata in risposta a danni cellulari) è in grado di attivare selettivamente la principale via degradativa intracellulare, nota come autofagia. Tramite questo meccanismo, la HspB8 rimuove quasi interamente dai motoneuroni le forme insolubili delle proteine neurotossiche responsabili della SLA.

Questa azione benefica della HspB8 impedisce che le proteine responsabili della morte cellulare possano accumularsi in aggregati intracellulari e/o che le proteine neurotossiche possano danneggiare le funzioni dei motoneuroni, portando ad un effetto protettivo contro eventuali danneggiamenti di queste cellule.

La scoperta apre la strada alla applicazione di farmaci che, modulando l'espressione di HspB8 nei motoneuroni, possono aiutare a chiarire i meccanismi molecolari implicati nella patogenesi della SLA.

Redazione MolecularLab.it (30/06/2010)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: HspB8, motoneuroni, sclerosi laterale amiotrofica, SLA
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy