Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Fermare il contagio dell'AIDS è possibile

Fiocco rosso,simbolo lotta all'Aids


Studiando più di 1.700 coppie con un partner affetto da AIDS si è scoperto che far uso di farmaci retrovirali all'inizio della comparsa della malattia diminuisce del 96% le trasmissioni

Secondo l'americano Istituto Nazionale della Salute assumere farmaci retrovirali subito dopo che l'AIDS è stato diagnosticato permette l'interruzione della trasmissione della malattia, bloccando le infezioni circa nel 96% dei casi. Questo dato ha spinto il team di ricerca a sospendere con quattro anni di anticipo la ricerca, studio che coinvolgeva 1.763 coppie per il 97% eterosessuali e di diversi Paesi del mondo, suddivise in due gruppi: uno in cui gli antivirali sono stati somministrati non appena la malattia è stata diagnosticata, l'altro ha seguito la cura tradizionale che prevede l'assunzione solo nel momento in cui il sistema immunitario inizia a cedere.
La trasmissione al partner è avvenuta una sola volta nelle 881 coppie del primo gruppo e ben 27 volte tra le 882 coppie del secondo; la terapia con questi farmaci in modo preventivo, diminuisce la quantità di virus nel sangue rendendo così il soggetto meno infetto.
La scoperta sembra così essere la chiave di volta della cura contro AIDS, nell'attesa che venga messo a punto il vaccino che, come spiega Andrew McMichael dell'Oxford University, ha regalato ottime speranze ai ricercatori, come annunciato su Nature: il vaccino contro la SIV, HIV delle scimmie, sconfigge la malattia in tredici macachi su ventiquattro.
Attualmente sono in corso diversi studi riguardo allo sviluppo di vaccini o nuove terapie: nuovo vaccino efficace in un terzo dei casi studiati (dati pubblicati su Lancet); un nuovo cocktail di farmaci che ridurrebbe del 44% la trasmissione da maschio a maschio (New England Journal of Medicine).
Il direttore dell'Istituto Nazionale delle Malattie Infettive, Anthony Fauci ha spiegato: "I risultati del nostro studio palesano il fatto che la cura di un singolo soggetto malato può avere un riscontro significativo nella riduzione della malattia".

Redazione MolecularLab.it (23/05/2011)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: retrovirali, AIDS, trasmissione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy