Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

L'importanza di interventi precoci per l'Alzheimer

Mani anziane


Il Rapporto Mondiale Alzheimer 2011 intende incoraggiare gli stati a promuovere la diagnosi precoce così da aumentare l'efficacia dei trattamenti

Gli interventi precoci sul morbo di Alzheimer potrebbero essere più efficaci se cominciassero ancora prima, è quanto si sostiene in una nuova relazione su questa malattia pubblicata dall'Alzheimer's Disease International (ADI), la federazione internazionale che riunisce 76 associazioni per l'Alzheimer di tutto il mondo e che fa da relatore presso l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Il Rapporto Mondiale Alzheimer 2011, "The Benefits of Early Diagnosis and Intervention", intende incoraggiare gli stati a promuovere la diagnosi precoce tra i medici e i professionisti della sanità che si occupano di demenza. Il rapporto si occupa anche dei benefici economici, con stime che mostrano che la diagnosi precoce potrebbe far risparmiare oltre 7000 EUR a paziente in paesi ad alto reddito.

I ricercatori che hanno lavorato alla relazione, coordinati da un team dell'Istituto di psichiatria presso il King's College di Londra, sono stati incaricati dall'ADI di intraprendere la ricerca. È la prima volta che un intero corpo di lavoro ha messo insieme un'analisi completa di tutte le prove sulla diagnosi precoce e l'intervento precoce per la demenza.

Al momento esiste una "lacuna di cura", visto che la maggior parte dei pazienti viene diagnosticata tardi, il che significa che una notevole quantità di tempo di cura è già andato perduto. Questo impedisce in gran parte il loro accesso a informazioni preziose, cure, assistenza e sostegno.
Ci sono anche significative ripercussioni per le famiglie, gli assistenti, le comunità e gli operatori sanitari.

L'autore principale della relazione, il professor Martin Prince del King's College, commenta: "Non c'è un modo unico per colmare questa lacuna di cure in tutto il mondo. È chiaro però che ogni paese ha bisogno di una strategia nazionale per la demenza che promuova la diagnosi precoce e un continuum di cure in seguito. I servizi sanitari primari, la diagnostica specialistica e i centri di cura nonché i servizi basati sulla comunità devono tutti avere un ruolo, ma in gradi diversi, a seconda delle risorse."

La relazione ha determinato che addirittura i tre quarti dei 36 milioni di persone in tutto il mondo che, secondo le stime, soffrono di demenza non sono stati diagnosticati e quindi non stanno beneficiando di alcuna cura. Nei paesi ad alto reddito, solo tra il 20% e il 50% dei casi di demenza sono riconosciuti e documentati a livello delle cure primarie e nei paesi a basso e medio reddito si stima che questa proporzione sia del 10%.

Ma perché la demenza tende a passare inosservata? Secondo i ricercatori, la mancata diagnosi di questo disturbo può derivare dalla falsa credenza che la demenza sia una parte normale o naturale dell'invecchiamento e che non si possa fare niente per invertire il processo. Queste nuove scoperte invece si concentrano sugli interventi che possono in effetti fare la differenza, il che significa che non è mai troppo presto per cominciare le cure adeguate, visto che sono più efficaci nei primi stadi della malattia.

Il rapporto descrive come i farmaci e gli interventi psicologici sulle persone con i primi stadi di demenza possono migliorare la cognizione, l'indipendenza e la qualità della vita, mentre il sostegno e i consigli a chi si occupa dei malati possono migliorare l'umore, ridurre la tensione e ritardare il ricovero delle persone affette da demenza.

"Se non si diagnostica l'Alzheimer in tempo si perde l'opportunità di migliorare la qualità della vita di milioni di persone," dice la presidentessa dell'ADI, la dott.ssa Daisy Acosta. "E questo va ad aggiungersi a un problema sanitario, sociale e finanziario che è già enorme in tutto il mondo."

L'ADI crede che ogni paese dovrebbe avere una strategia nazionale per l'Alzheimer e la demenza che enfatizzi l'importanza della diagnosi e dell'intervento precoce.

Il morbo di Alzheimer è la più comune forma di demenza. Secondo le cifre dell'ADI, si prevede che il numero di persone affette da demenza raddoppierà ogni 20 anni - da 36 milioni nel 2010 a 115 milioni nel 2050 - il che significa che l'esigenza di un intervento tempestivo non è mai stata così pressante.

Fonte: Cordis (04/10/2011)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: Alzheimer, demenza
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy