Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Cannabis per i malati di sla

Pianta di Marijuana


Sperimentazione in un ospedale della Puglia con la somministrazione ogni mese di cannabis terapeutica ai malati di sclerosi multipla e sclerosi laterale amiotrofica

In un ospedale della Puglia, quello di Casarano, cinque pazienti, tutti malati di Sclerosi multipla, ricevono ogni mese 'cannabis terapeutica'. E' questa la prima e per ora unica sperimentazione del genere in Puglia di somministrazione gratuita di cannabis terapeutica. La notizia e' stata resa nota in un servizio andato ieri in onda nel Tg dell'emittente televisiva TeleRama.
Gabriella Cretí e Agnese Antonaci sono due dottoresse: la prima e' la direttrice dell'ospedale di Casarano e la seconda e' la dirigente del servizio farmacia e sono loro le protagoniste della prima e per ora unica sperimentazione in Puglia del genere. I pazienti che ricevono la cannabis terapeutica sono cinque malati di sclerosi multipla, malattia che provoca dolori terribili e irrigidisce fino allo spasmo i muscoli.
E le infiorescenze di cannabis distribuite gratuitamente dall'ospedale di Casarano servono a rilassare i muscoli contratti e a lenire il dolore. Il 'Bedrocan', questo il nome ufficiale della marijuana quando diventa farmaco, e' custodito in una cassaforte, nella farmacia dell'ospedale.
La sperimentazione e' possibile in base a due norme: il decreto ministeriale del 18/04/2007 firmato dall'allora ministro della salute Livia Turco e la delibera della giunta regionale pugliese 308 del 2010, firmata dall'attuale presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.
Il decreto ministeriale inserisce i cannabinoidi tra i farmaci, la delibera regionale ne stabilisce l'erogazione a carico del servizio sanitario regionale.
La sperimentazione della cannabis 'terapeutica' ha pero' un percorso burocratico molto lungo: si parte - e' stato riferito nel servizio mandato in onda da TeleRama - dalla prescrizione del medico, che il malato di sclerosi porta alla farmacia ospedaliera di Casarano, che a sua volta deve ricevere un'autorizzazione da Roma, dal ministero della Salute. Ricevuta l'autorizzazione, l'economato dell'ospedale ordina il farmaco all'azienda farmaceutica olandese, che a sua volta deve chiedere l'autorizzazione al suo ispettorato alla Sanità. Ricevuto il permesso, l'azienda invia il Bedrocan all'ospedale di Casarano che lo distribuisce ai pazienti. Il tutto attraverso un carteggio che deve essere sempre prodotto in originale, ne' via fax ne' via e-mail, per evitare falsificazioni.

Redazione MolecularLab.it (16/11/2011)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, cannabis, cannabinoidi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy