Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Genetica
 Perchè la poliploidia nelle piante non è letale?
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

omega3
Nuovo Arrivato



38 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 17:48:24  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di omega3 Invia a omega3 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Anzi, da un punto di vista agronomico, rappresenta la regola e non l'eccezione?


La poliploidia nell'uomo e nei mammiferi è sempre letale: il 99% degli individui muore in gravidanza, e il restante 1% non sopravvive ai primi giorni.

Alcune piante poliploidi invece offrono elevati vantaggi (assenza di semi, grandezza maggiore, più sapore, etc...)


Perchè?

elving
Utente Junior



240 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 18:58:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di elving Invia a elving un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
l'assenza di semi non è un vantaggio per la pianta, o sbaglio?
comunque è un quesito interessante...
Torna all'inizio della Pagina

Dionysos
Moderatore

D

Città: Heidelberg


1913 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 19:05:57  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Dionysos  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Dionysos Invia a Dionysos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Negli epatociti maturi di Mammifero (quindi
anche nell'uomo) la poliploidia è la regola!

Volere libera : questa é la vera dottrina della volontà e della libertà
(F.W. Nietzsche)

Less Jim Morrison, more Sean Morrison!


Torna all'inizio della Pagina

Dionysos
Moderatore

D

Città: Heidelberg


1913 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 19:07:03  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Dionysos  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Dionysos Invia a Dionysos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Per motivi diversi lo sono anche gli osteoclasti
e tutte le altre cellule "di fusione" (ad es. le
cellule giganti derivate da macrofagi fusi assieme
in condizioni patologiche)

D'altronde le stesse fibre muscolari sono
sinciziali, ovvero polinucleate, e quindi
avranno una situazione non molto diversa
da quella delle cellule mononucleate poliploidi

Volere libera : questa é la vera dottrina della volontà e della libertà
(F.W. Nietzsche)

Less Jim Morrison, more Sean Morrison!


Torna all'inizio della Pagina

Dionysos
Moderatore

D

Città: Heidelberg


1913 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 19:08:25  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Dionysos  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Dionysos Invia a Dionysos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
La poliploidia nell'uomo e nei mammiferi è sempre letale

Solo a livello germinale ed embrionale precoce

Volere libera : questa é la vera dottrina della volontà e della libertà
(F.W. Nietzsche)

Less Jim Morrison, more Sean Morrison!


Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 19:22:37  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
e comunque le piante poliploidi sono sterili.
Immagino (ma non ho prove a riguardo) si tratti più di incroci "forzati" dagli agricoltori che non di pressione selettiva

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

zerhos
Utente Junior

ZERHOS

Prov.: Pisa
Città: Pisa


421 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 20:14:02  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di zerhos  Invia a zerhos un messaggio ICQ Invia a zerhos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mmmm,io arei più portato a pensare che sia un fenomeno del tutto naturale,del resto anche xenopous è un organismo tetraploide(motivo per cui non è stato ancora sequenziato),e se nn sbaglio anche diverse specie di insetti.

evolutivamente parlando magari hanno acquistato sistemi di divisione cellulare più complessi dei nostri che ripartiscono bene il materiale genetico(ipotizzo!)

cmq in questi casi,sarebbe interessante vedere come operano i sistemi di dosaggio compensazione(se ci sono).

"l'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo!"
Salvador.Dalì
Torna all'inizio della Pagina

omega3
Nuovo Arrivato



38 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 20:23:11  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di omega3 Invia a omega3 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Che io sappia sono sterili solamente le piante autopoliploidi con numero dispari di assetto cromosomico (1x, 3x, 5x, 7x, etc...) a causa di problemi durante la meiosi.
Infatti, essendoci un numero dispari di cromosomi, durante la profase c'è sempre un cromosoma che non può appaiarsi con un altro omologo.

Piante poliploidi con numero pari di assetti, per esempio le piante tetraploidi, possono produrre gameti diploidi (anche se, normalmente, queste piante si riproducono per via apomittica, cioè produzione di seme senza fecondazione)
Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 21:20:03  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sì, sono soprattutto quelle con numero dispari di assetti cromosomici che sono sterili anche se non sempre è il caso, come dicevamo qui:
http://www.molecularlab.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=12455 (verso metà discussione)

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

GFPina
Moderatore

GFPina

Città: Milano


8398 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 22:08:37  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di GFPina  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di GFPina Invia a GFPina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Beh chick ha già linkato la discussione a cui stavo pensando!
Dove vedete che in realtà un mammifero poliploide esiste!

Comunque concordo con la tesi di zerhos, credo sia un fenomeno di adattamento diverso che è avvenuto nelle piante. Tieni presente che i meccanismi di riproduzione delle piante sono anche diversi, è possibile l'autofecondazione cosa che negli animali (intendo animali superiori ad es. mammiferi) non è possibile e si sa che anche se si tentasse di farlo ci sarebbero gravi problemi (vedi imprinting).
Torna all'inizio della Pagina

zerhos
Utente Junior

ZERHOS

Prov.: Pisa
Città: Pisa


421 Messaggi

Inserito il - 05 settembre 2009 : 22:25:24  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di zerhos  Invia a zerhos un messaggio ICQ Invia a zerhos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ecco ora mi ci avete fatto pensare,e quindi rilancio la cosa:

i meccaismi di dosaggio e compensazione,nei sistemi poliploidi,esistono,e se si come agiscono?
qualcuno sa qualcosa?
intanto vedo cosa esce fuori dal caro buon vecchio pubmed!

"l'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo!"
Salvador.Dalì
Torna all'inizio della Pagina

miri6
Nuovo Arrivato


Città: Milano


12 Messaggi

Inserito il - 07 settembre 2009 : 00:51:48  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di miri6 Invia a miri6 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Dovete pensare che le piante sono sessili, pertanto devono essere in grado di adattarsi a uno svariato numero di condizioni climatiche - inoltre sono per lunghi periodi esposte al sole il che rende molto frequente l'insorgenza di mutazioni. In quest'ottica alla pianta conviene avere più corredi cromosomici in modo tale che se un gene essenziale perde la sua funzionalità, ne esiste comunque una copia funzionante.

Di meccanismi di dosaggio/compensazione so che esiste quello dell'RNA interference (trovato anche negli animali) che in pratica permette la soppressione di un determinato prodotto genico se over-espresso.

=)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina