Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Esodo biotecnologi disoccupati verso ISF
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie
Pagina Precedente | Pagina Successiva

Tag   disoccupazione    biotecnologie    informatori    ISF  Aggiungi Tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione
Pagina: di 3

eladrin
Nuovo Arrivato



14 Messaggi

Inserito il - 23 ottobre 2009 : 18:51:21  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di eladrin Invia a eladrin un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La amara verità è ke questo corso di laurea è nato per piazzare 1 po' di cattedre a destra e a manca.
Il mercato del lavoro non richiede queste figure professionali.
Torna all'inizio della Pagina

GFPina
Moderatore

GFPina

Città: Milano


8398 Messaggi

Inserito il - 23 ottobre 2009 : 19:45:37  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di GFPina  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di GFPina Invia a GFPina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusa zanza ma mi sfuggono un po' di cose dal tuo discorso.
Innanzitutto la principale: non ho capito se tu hai fatto Biologia o Biotecnologie! Mi sembra di aver capito Biotecnologie dal tuo discorso, ma non ne sono sicura. (io, giusto per informazione, ho fatto Biologia).

Poi per quanto riguarda le differenze tra Biologia e Biotech, a parte l'ovvio fatto che per poter dire le reali differenze bisognerebbe averle fatte entrambe e che comunque ci sono differenze tra i vari corsi di Laurea e le varie città, comunque Biologia ti dà in generale una base più ampia nei primi anni e poi dipende molto dall'indirizzo.
Certo se mi paragoni l'ecologico al Biomolecolare sinceramente vedo molte meno differenze tra Biologia Biomolecolare e Biotecnologie che non tra i due indirizzi di Biologia.
Però quoto chick:

Citazione:
Qui in lab io faccio esattamente le stesse cose di un altro postdoc che è laureato in veterinaria. Nel lab dove ero prima c'era un laureato in biotech agrarie. Eppure non lavoravamo su piante. Questo per dirti che alla fine non è il titolo che conta nella vita reale.

Ho visto le stesse cose anche in Italia! Ho lavorato fianco a fianco con persone che hanno fatto l'ecologico per l'appunto e non per questo non potevano fare ricerca in laboratorio.

Poi continuo a quotare chick:
Citazione:
Certo, se vuoi fare dei concorsi pubblici allora ti stai scontrando con dei burocrati che di certo non vivono nella vita reale..

quoto appieno e ti posso dire che da come evolvono "lentamente" le cose in Italia è semplicemente perché ci si mette giusto qualche decina d'anni ad adeguarsi, tu dici:
Citazione:
la maggior parte delle scuole di specializzazione ci sono precluse, addirittura quella di genetica che dovrebbe essere invece quasi sbocco naturale per noi...

da qui immagino tu dica che sono precluse ai Biotecnologi. Comunque a parte che dipende che corso di Biotecnologie hai fatto, non per tutti genetica è lo sbocco naturale! Il motivo è semplicemente che Biologia è una vecchia laurea e Biotecnologie una "nuova" ed ora che qualcuno si rende conto che bisogna inserire anche Biotecnologie tra le lauree che possono accedere alla Specializzazione... ne passa di tempo!
(lo so è stupido... ma è come funzionano le cose purtroppo!)
Poi se ci tieni ti posso dare la mia di Specialità in Genetica di cui non ho ancora capito che farmene! (ovviamente sono ironica!)

Ma infine una cosa ancora mi sfugge più di tutte, dici a Chick:
Citazione:
Volevo dire a Chick80 che immagino sia anche nato nell'80 che probabilmente la sua giovanissima età è la spiegazione del suo tanto decantato e se mi permette un pò infantile ottimismo.

in che senso?
Mi pare abbia solo detto che: "non ci sono abbastanza posti per biotecnologi = bisogna mettere un blocco prima e non produrne troppi!"
la vedo una visione "realistica" più che "ottimistica"!
Comunque io non ho la giovane età di chick (che comunque non è proprio giovanissimo! Credo che di esperienza ne abbia fatta!), ma devo dire che in genere concordo con lui per più del 90% delle cose che dice... ok quindi tiro le conclusioni da sola... sarò "infantile" io probabilmente!!!

Comunque mi pare che siamo andati lungamente off topic, visto che il tema della discussione era: "Esodo biotecnologi disoccupati verso ISF"
Torna all'inizio della Pagina

simone81
Nuovo Arrivato



20 Messaggi

Inserito il - 27 ottobre 2009 : 16:01:00  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di simone81 Invia a simone81 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
stiamo andanndo off topic.visto che in italia abbondano i laureati pe ri quali nn c è lavoro.è opportuno selezionare i laureati che possono fare un determinato lavoro.altrimenti si tolgono possibilità invece che crearle.qui in italia nn ci sono possibilità pe ri biotecnologi???bene si riduce ikl numero delle facoltà e degli iscritti.NO SI DA LORO LA POSSIBILITà DI INVADERE SETTORI GIA SATURI.l isf nn ha piu lavoro,sono troppi,nn servite anche voi.
per carità :-)
Torna all'inizio della Pagina

eladrin
Nuovo Arrivato



14 Messaggi

Inserito il - 27 ottobre 2009 : 19:35:05  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di eladrin Invia a eladrin un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il mio parere personale.
In una situazione come quella di oggi anche il lavoro di ISF è un lavoro che ti può andare bene. Non dico che sia il lavoro che sogni di fare da piccolo ma almeno ti si offre la possibilitò di lavorare e guadagnare.
Dunque ci sono classi di laurea che ormai hanno acquisito la possibilitò di fare l'ISF (biologia, chimica, medicina,...). Ad oggi i biotecnologi possono farlo, ma c'è ancora la spada di Damocle del TAR che pende sulle loro teste.
Gli si vuole dire: siete gli ultimi arrivati, siete ancora precari, non rompete le scatole. Ke tristezza è la guerra dei poveri. Sono i piu attaccabili perciò se la prendono con loro.
Torna all'inizio della Pagina

Garzgul
Utente Junior

Prov.: Roma
Città: Roma


183 Messaggi

Inserito il - 27 ottobre 2009 : 19:39:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Garzgul  Invia a Garzgul un messaggio Yahoo! Invia a Garzgul un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Allora a questo punto sarebbe meglio abolire i corsi di laurea in isf,no?
Se l'isf possono farlo altrettanto bene i laureati di molti altri corsi di laurea che formano anche per altri sbocchi lavorativi (medici, farmacisti, CTF, chimici, biotech, ecc, con gli adeguati esami sostenuti ovviamente) perchè mantenere i cdl in isf, dato che tali laureati possono fare in genere appunto solo l'isf?
Non prendetelo per flame, lungi da me, ma è una mia opinione personale.
Torna all'inizio della Pagina

miri6
Nuovo Arrivato


Città: Milano


12 Messaggi

Inserito il - 27 ottobre 2009 : 21:16:07  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di miri6 Invia a miri6 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Garzgul

Allora a questo punto sarebbe meglio abolire i corsi di laurea in isf,no?
Se l'isf possono farlo altrettanto bene i laureati di molti altri corsi di laurea che formano anche per altri sbocchi lavorativi (medici, farmacisti, CTF, chimici, biotech, ecc, con gli adeguati esami sostenuti ovviamente) perchè mantenere i cdl in isf, dato che tali laureati possono fare in genere appunto solo l'isf?
Non prendetelo per flame, lungi da me, ma è una mia opinione personale.



Concordo anch'io. Per dire, sul sito d'orientamento della Statale di Milano, c'è un'intervista a un ISF (*) che racconta di avere una laurea in Medicina Veterinaria e che prima di diventare - passatemi il termine - "operativo", ha dovuto frequentare lo stage formativo previsto dall'azienda (dompè). L'intervista + un po' datata (2004) ma mi sembra chiaro che indichi che le aziende siano più interessate a formare loro stesse i loro dipendenti più che a controllare quale laurea esatta abbiano conseguito.

Che poi nozioni base di farmacologia generale vengono impartite sia ai biologi sia ai biotecnologi dei più svariati indirizzi (in genere).

(*) link => http://studenti.unimi.it/repertorio_professioni/intervista.asp?ID_INTERVISTA=20&ID_PROFESSIONE=128&DA_PAG=scheda
Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 27 ottobre 2009 : 22:02:46  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Questo è chiaro! Nessun corso di laurea ti prepara a fare alcun mestiere. L'esperienza sul campo alla fine è ciò che conta.

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

simone81
Nuovo Arrivato



20 Messaggi

Inserito il - 28 ottobre 2009 : 16:00:24  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di simone81 Invia a simone81 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
bè infatti anche la laurea in isf è un assurdità.considerando anche che tra 5 anni la professione del isf sarà finita!
http://www.affaritaliani.it/rubriche/JobCafe/job_cafe_per_isf051009.html
quindi sarà la fine per tutti questi ragazzi che si sono iscritti a isf,l unica cosa sarà migrare verso farmacia e studiare altri anni.
si era pensato di mettere un tetto agli iscritti in base alle possibilità di lavoro.ricordo a roma ragazzi di 33 anni tutti fuori corso di anni hanno manifestato contro questo scenario.in italia bisogna aiutare le elite che struementalizzano i ragazzi.queste triennali portano miseria e delusioni,parliamoci chiaro.noi l unica cosa che possiamo fare è scrivere sui forum e sperare che finiscano questi sprechi!
Torna all'inizio della Pagina

Roby86_
Nuovo Arrivato



52 Messaggi

Inserito il - 28 ottobre 2009 : 18:31:46  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Roby86_ Invia a Roby86_ un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ma scusate... una persona presenta il suo curriculum per un certo posto di lavoro giusto? si presenta eventualmente per il colloquio ecc... successivamente chi di dovere decide di assumerlo oppure no quindi, se un laureato biotech trova un lavoro come informatore scientifico la responsabilità è di chi il lavoro glielo ha dato.
Tra l'altro, se dovessero eliminare tutti i corsi di laurea che portano alla formazione di figure professionali non richieste dal mercato del lavoro italiano, rimarrebbero solo le facoltà di ingegneria e forse di economia.
Pensate ai vostri sbocchi professionali e non rompete ai biotech!!!!

Torna all'inizio della Pagina

myocet
Nuovo Arrivato

Città: RIMINI


11 Messaggi

Inserito il - 24 febbraio 2010 : 14:00:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di myocet Invia a myocet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
che biotecnologie sia un clone di biologia mi dispiace dirlo ma è vrm la cavolata più grossa che abbia mai sentito, ho avuto la possibilità di svolgere tre mesi di tirocinio presso un grosso istituto di ricerca oncologica con una tirocinante come me che però era biotecnologa (mentre io sono biologa) e mentre lei mi insegnava come manovrare una macchina x la PCR o come si svolgeva il saggio Tunel, io le spiegavo cosa fossero gli enzimi di fase I o il test di Ames. Penso che biotec sebbene sia un corso di laurea vrm affascinante purtroppo dia poche possibilità di lavoro sopratutto in un paese come l'Italia, io personalmente mi sono resa conto che il laboratorio non fà x me e l'idea di svolgere un'attività come l'ISF non mi farebbe poi cosi schifo.
Torna all'inizio della Pagina

Dearg-Due
Utente


Prov.: Firenze


1104 Messaggi

Inserito il - 24 febbraio 2010 : 14:23:49  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Dearg-Due Invia a Dearg-Due un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Biotecnologie e Scienze Biologiche non sono l'uno il clone dell'altra.
Però gli argomenti di studio sono concettualmente simili, l'ambito operativo spesso sovrapponibile, con i biotech più "tecnologici" ed esperti nella pratica, ed i biologi più teorici.
Ogni figura può però svolgere il lavoro dell'altro, con un pò di esperienza e di tirocinio o studio.
Non a caso entrambe le lauree consentono l'iscrizione all'ONB e l'accesso alla professione di Biologo.

Concordo sulla schifosissima e vergognosa situazione della ricerca in Italia e sulla tua amarezza.


Torna all'inizio della Pagina

antoniodg83
Nuovo Arrivato



12 Messaggi

Inserito il - 10 novembre 2010 : 22:24:04  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di antoniodg83 Invia a antoniodg83 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sono un biotecnologo e se mi facessi infermiere?
Torna all'inizio della Pagina

Ghibli
Nuovo Arrivato




96 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 00:46:38  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Ghibli Invia a Ghibli un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da myocet

io personalmente mi sono resa conto che il laboratorio non fà x me e l'idea di svolgere un'attività come l'ISF non mi farebbe poi cosi schifo.



Non ci sperare troppo: praticamente tutte le aziende stanno riducendo pesantemente gli organici.

Tra le ultime a CHIUDERE ricordo:

Marvecspharma
Crinos
Neopharmed

Pare a rischio tutta la linea Shering-plough di MSD (che avevan già tagliato altre 3/4 linee negli ultimi anni)

questo solo per citare gli ultimissimi avvenimenti citati sul sito www.informatori.it

Il Cdl in ISF era morto ancora prima di iniziare: i primi laureati sono arrivati uno o due anni prima dei primi licenziamenti, ma nell'ambiente dell'informazione era considerato inutile già dal primo giorno, considerando la sovrabbondanza di figure professionali che potevano svolger già l'attività e la lunga lista di curriculum che giacevano su qualsiasi scrivania di direttore del personale di una media azienda farmaceutica.

Torna all'inizio della Pagina

Ghibli
Nuovo Arrivato




96 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 01:20:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Ghibli Invia a Ghibli un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Inserisco qualche link:

http://www.tradingborsa.net/finanza-dal-web/3628/marvecs-ecco-come-si-rottamano-aziende-e-lavoratori/

http://www.larena.it/stories/Economia/186405__glaxo_a_rischio_170_informatori_scientifici/


E voci di corridoio parlano di tagli anche in Abbot...
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

Notte



1123 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 10:15:50  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di n/a Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sinceramente guardando tra amici e conoscenti con lauree scientifiche gli isf son quasi gli unici che lavorano con uno stipendio dignitoso..E parlo di biologi, biotecnologi, ctf oltre ovviamente isf...
Torna all'inizio della Pagina

Crono
Nuovo Arrivato

Prov.: Padova


117 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 14:12:33  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Crono Invia a Crono un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
chick80 dice: "il mio punto è che la GRANDE % dei biotech che conosco fanno ricerca"
Io sono laureato in biotecnologie da 4 anni oramai e il mio punto è che 0% dei biotech che conosco fà ricerca... forse chick80 ti riferisci a chi è riuscito a scappare all'estero? Altrimenti i conti non mi tornano!
Per quanto riguarda i biotech che conosco io: molti fanno i venditori, altri si sono presi un'altra laurea, altri ancora fanno tutt'altro (lavorano al bar o call center, per intenderci).
Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 14:27:09  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Oddio, ma perchè dobbiamo rivangare queste discussioni antiche e inutili?

Comunque sì, molti dei miei amici biotech sono andati all'estero, ma non tutti. E dunque? Fanno comunque ricerca.

La cosa che io vorrei capire quale sarebbe il punto di queste discussioni. Sinceramente, non le capisco. Che in Italia sia difficile fare ricerca mi sembra che sia chiaro a tutti, tuttavia mi sembra anche chiarissimo che il mondo offre un sacco di possibilità di fare ricerca se uno vuole. Poi, se è solo paura di andare all'estero... il discorso è differente.

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

Dearg-Due
Utente


Prov.: Firenze


1104 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 17:51:07  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Dearg-Due Invia a Dearg-Due un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Essì chick.
La gente vorrebbe un posto fisso da ricercatore, sotto casa, a 3000 euro al mese.
Invece non hanno capito che per certe professioni ci si deve rimboccare le maniche e darsi da fare.


Torna all'inizio della Pagina

Crono
Nuovo Arrivato

Prov.: Padova


117 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 18:04:21  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Crono Invia a Crono un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Chick80, abbiamo già discusso di questo in passato, ed entrambi rimaniamo nelle stesse posizioni.
A mio avviso, un corso di laurea che ti dà come unica prospettiva di lavoro quella di tentare la fortuna all'estero è da eliminare.
Andare a lavorare all'estero deve essere una scelta, non l'unica opzione per lavorare...
Poi cos'è questa storia, per te chi rimane in italia è perchè ha paura di andare all'estero? Una persona non può avere una fidanzata o amici che non vuole perdere? o avere altri problemi personali?
Probabilmente hai avuto la fortuna (o sfortuna) di non avere questi problemi, ma dare dei vigliacchi agli altri è, quantomeno, esagerato.

Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 18:28:44  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non interpretare a tuo piacere le mie frasi, please. Non ho dato del vigliacco a nessuno, ho detto che spesso il non voler andare all'estero ha una componente di paura. Ed è normale avere un po' di paura, ma non deve essere quello a fermarti.

Sicuramente ci possono essere validi motivi per voler rimanere nella tua città di origine. Però ho sentito molte persone dirmi cose quali "sono legato alle mie tradizioni" o altri discorsi del genere che non hanno alcun senso (puoi rimanere legato alle tue tradizioni anche in Russia se vuoi).

Lo stesso discorso della ragazza e degli amici non ha alcun senso. Tu sei di Padova. Diciamo che trovi un lavoro a Roma, che fai non lo accetti? O fai il pendolare tutti i giorni? Non credo proprio. E i tuoi amici che fanno? Ti seguono a Roma?

Se fossi disposto ad accettare di spostarti da Padova a Roma allora puoi anche spostarti da Padova a Zurigo, che tra l'altro è anche più vicina di Roma.

Poi, sei liberissimo di rispondermi che questa cosa non fa per te, e va benissimo, ma un discorso come "un corso di laurea che ti dà come unica prospettiva di lavoro quella di tentare la fortuna all'estero è da eliminare" non ha senso. Dì al massimo: "un corso di laurea che ti dà come unica prospettiva di lavoro quella di tentare la fortuna all'estero IO non lo considero".

Perchè io ad esempio (e conosco altra gente che la pensa come me) sono stracontento di aver fatto biotecnologie.

Citazione:
chick80, abbiamo già discusso di questo in passato, ed entrambi rimaniamo nelle stesse posizioni.

Vedi, su questo siamo d'accordo al 100%. Tutta questa discussione è assolutamente inutile.

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

Crono
Nuovo Arrivato

Prov.: Padova


117 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 19:25:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Crono Invia a Crono un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mah, che discorsi fai?!
Ho mai parlato di essere legato alla tradizione?
Certo che il discorso è uguale se ti trasferisci in un'altra città italiana distante!
Per questo le persone scelgono le università anche in base alle prospettive occupazionali che ti promettono nella regione...
Torniamo al discorso che le università dovrebbero essere più oneste con i neolaureati.
Sono incuriosito delle tue opinioni, perchè sei l'unico biotech che conosco(e ne conosco tanti...) che la pensa così.
Cque come al solito ogniuno rimane della propria opinione, meglio :)
Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 19:34:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Ho mai parlato di essere legato alla tradizione?

Non stavo parlando di te, ma l'ho sentito dire.

Citazione:
Certo che il discorso è uguale se ti trasferisci in un'altra città italiana distante!
Per questo le persone scelgono le università anche in base alle prospettive occupazionali che ti promettono nella regione...

Io non l'ho mai fatto. Io ho scelto l'università perchè volevo fare il ricercatore. Non mi sono veramente mai troppo preoccupato di vedere se nella mia regione avrei potuto farlo.

Citazione:
Torniamo al discorso che le università dovrebbero essere più oneste con i neolaureati.

Non lo metto in dubbio.

Citazione:
Sono incuriosito delle tue opinioni, perchè sei l'unico biotech che conosco(e ne conosco tanti...) che la pensa così.

Bene, ora conosci un biotecnologo che la pensa così. Le mie opinioni (e anche quella di altri che la pensano come me, così ne conosci qualcun altro) le puoi leggere nelle altre 10000 discussioni su queste cose. Davvero, non ho voglia di ricominciare questi discorsi per l'ennesima volta.

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

cidsmoke
Utente Junior



534 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 19:45:06  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di cidsmoke Invia a cidsmoke un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Spero proprio per me che chick abbia ragione..
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

Notte



1123 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 20:10:51  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di n/a Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Anch'io trovo davvero angosciante per un corso di laurea che l'unica possibilità per lavorare sia l'estero.
Non dovrebbe essere così.
Voglio dire non stiamo parlando di corsi di laurea tipo "relazioni internazionali e diplomatiche" o "cooperazione internazionale per lo sviluppo" dove un po' te la metti via che molto probabilmente lavorerai all'estero e comunque c'è scritto a chiare lettere nella descrizione del corso di laurea...
Stiamo parlando di un corso di laurea dove si dice addirittura che potrai lavorare in strutture di diagnostica pubbliche e private.
Cioè pubbliche???
Questo si chiama prendere in giro gli studenti e i laureandi..
Torna all'inizio della Pagina

la_fra
Utente

betty



750 Messaggi

Inserito il - 11 novembre 2010 : 20:44:59  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di la_fra  Rispondi Quotando
*yawn*

Doctors are men who prescribe medicines of which they know little, to cure diseases of which they know less, in human beings of whom they know nothing (Voltaire)
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3 Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina