Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Fisiologia
 Lavoro cardiaco e accelerazione gravitazionale
 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'Ŕ:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Insider
Nuovo Arrivato



32 Messaggi

Inserito il - 30 giugno 2013 : 17:21:52  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Insider Invia a Insider un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il lavoro cardiaco, come Ŕ noto, Ŕ dato dall'espressione:

L= pV + mvquadro/2g

Essendo sulla Terra g costante, immagino che nel determinare gli effetti sul cuore dalla variazione di uno o pi¨ di questi parametri g sia ininfluente. Tuttavia, per un astronauta, sottoposto a forza g minore, o per un ipotetico colonizzatore di un mondo a gravitÓ superiore, sottoposto quindi a forza g superiore, come cambierebbe questa variazione il cuore del soggetto? Nel primo caso immagino che il lavoro aumenti, portando ad ipertrofia, mentre nel secondo diminuisca, portando ad ipotrofia, anche se non ho mai sentito parlare di ipotrofia cardiaca. Lo pensate anche voi?

So che sono solo speculazioni, ma mi aiuterebbero a capire bene il concetto. Grazie
  Discussione  

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina