Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Farmacologia e Chimica Farmaceutica
 Piridina e tossicitÓ
 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'Ŕ:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Pin
Nuovo Arrivato

chica3


45 Messaggi

Inserito il - 16 ottobre 2015 : 11:43:56  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Pin  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Pin Invia a Pin un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Buongiorno a tutti,

vi scrivo per chiedere delle informazioni riguardanti la Piridina e la sua tossicitÓ nell'uomo (inteso come persona di sesso maschile).
Da sempre questo composto Ŕ stato classificato come un agente tossico per ci˛ che riguarda l'apparato riproduttore maschile: ricordo benissimo le raccomandazioni di molti professori che sconsigliavano vivamente ad operatori di sesso maschile di usare tale prodotto.

Io dovrei usare delle PICOLINE (piridine aventi un gruppo metile) e dovrei valutare la loro tossicitÓ per capire se acquistare po meno tali prodotti chimici per le mie reazioni.
Ho scaricato MSDS, articoli, schede tecniche e report di analisi, ma Ŕ sempre abbastanza difficile trovare delle documentazioni dettagliate sull'effetto tossico delle piridine sull'apparato riproduttore (viene riportata la tossicitÓ legata alla riduzione della motilitÓ degli spermatozoi).

Qualcuno di voi conosce con esattezza il meccanismo di azione di tale tossicitÓ? In questo modo solamente potr˛ capire se la presenza di un sostituente metilico nelle varie posizioni (orto, meta e para) vada a modificare l'effetto o meno.

Grazie mille in anticipo.

Buona giornata


"Non Ŕ mai tardi per tentar l'ignoto. Non Ŕ mai tardi per andar oltre."

Gabriele D'Annunzio
  Discussione  

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina