Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Fisiologia
 elettroforesi delle proteine sieriche
 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'Ŕ:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

gecotto
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 13 giugno 2016 : 19:47:08  Mostra Profilo Invia a gecotto un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Qualcuno potrebbe dirmi con esattezza per quale caratteristica avviene la migrazione delle proteine sieriche quando formano bande in sequenza a partire dalla prealbumina?
Ho cercato su internet, ma lý ho trovato solo un generico secondo la carica e la massa molecolare.
In realtÓ ho giÓ studiato due tipi di elettroforesi, la monodimensionale e la bidimensionale e suppongo le bande derivino dalla monodimensionale, ma in tal caso sarebbe giusto dire che migrano secondo la carica o secondo la massa?
Da quello che so la monodimensionale non integra le due caratteristiche.
Poi ho letto che in realtÓ le proteine sono immerse in un gel con Ph intorno a 8 in cui tutte assumono carica netta negativa quindi sono sempre pi¨ portata a pensare che dipenda solo dalla massa e dimensione.

gecotto
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 13 giugno 2016 : 19:54:17  Mostra Profilo Invia a gecotto un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Volevo anche aggiungere che se dovesse dipendere solo dalla massa allora sarei un po' confusa riguardo al discorso sulla bisalbuminemia.
Nel senso che l'albumina puo aumentare o diminuire la velocitÓ di migrazione, quindi dovrei dedurre che quando Ŕ legata ad esempio alla bilirubina dovrebbe diminuire la velocitÓ eppure in un testo ho letto che aumentava.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina