Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Farmacologia e Chimica Farmaceutica
 Farsi dei...film
 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Ipromellosa
Nuovo Arrivato



3 Messaggi

Inserito il - 20 luglio 2016 : 15:38:41  Mostra Profilo Invia a Ipromellosa un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie per le preziose informazioni e spiegazioni lette qua e là su questo sito e che mi riattivano un quesito a cui mi è stato sempre risposto in maniera contradittoria. Il quesito riguarda la dicitura "rivestita con film", senza altre specificazioni, messa accanto a "compressa". Cosa vuol dire "compressa rivestita con film", spesso accompagnata dall'ammonizione che bisogna deglutirla intera senza spezzarla e frantumarla? Senza nessun altro aggettivo, si dà per scontato che quel film non sia mirato a rendere la compressa gastroresistente, o rendere la cessione del farmaco graduata? La cosa ha risvolti pratici importanti, perché spesso pazienti anziani o fobici della deglutizione o altro hanno difficoltà ad ingerire compresse di dimensioni per loro ostiche e le tagliano. Ora, interrompere sia pur con un taglio di netto quel "film", ove non sia specificato altro, potrebbe invalidare la terapia? Perché un conto è tagliare in due una compressa rivestita con un film che ha funzioni di custodia, compattamento e protezione, un conto è dividere una compressa il cui film è incaricato di regolare la gastroresistenza o la cessione. In genere questo è sempre indicato? Per esempio, eccipienti nominati in "compressa rivestita con film" che corrispondono a macrogol, titanio biossido, ipromellosa, carmellosa, cellulosa microcristallina e silice possono essere considerati a rischio di invalidazione della terapia se la compressa viene tagliata per facilitarne l'assunzione? Sono supporti chimici per proteggere dallo sgretolamento, dal far avvertire sapore amaro, per levigare e compattare e custodire o davvero hanno funzione molto più attiva e, per così dire, farmacologica? Grazie a chi vorrà rispondere.

chim2
Utente Attivo

Death Note



2110 Messaggi

Inserito il - 22 luglio 2016 : 15:16:45  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chim2 Invia a chim2 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Dipende com'è formulata. Il rivestimento può essere protettivo,funzionale o non funzionale.Per es in alcune compresse il rivestimento regola la cessione del farmaco per es.avere un rilascio costante e prolungato del farmaco nel tempo...ed ovvio che la biofarmaceutica e poi la farmacocinetica dipende da questo e quindi l'effetto terapeutico e l'uso per cui è stata approvata la formulazione.
Per cui è assolutamente inopportuno spezzare la compressa....discorso simile se il rivestimento serve per proteggere la compresse perchè magari l'attivo o la forumazione è sensibile all'umidità o all'UV per es...per cui spezzandola avrai una parte della compressa stessa questa funzione.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-14 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina