Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Biologia Molecolare
 Tipi di colture cellulari
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'Ŕ:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Anubisfosfato
Nuovo Arrivato



1 Messaggi

Inserito il - 27 agosto 2016 : 03:31:51  Mostra Profilo Invia a Anubisfosfato un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Salve,

Ho veramente iniziato da poco ad addentrarmi (autonomamente) al mondo della ricerca nel campo della biologia molecolare (o almeno la teoria che ci sta dietro) e sto avendo molte difficolta' a capire per esempio in base a cosa si sceglie "la base" della coltura cellulare diciamo :

1) Prima di tutto non capisco se ci sia un modo per determinare a priori quale sia un terreno di coltura migliore per un determinato tipo di cellule : c'e' un paradigma che fa comprendere quando usare una coltura liquida e quando usare una coltura solida?

Probabilmente la risposta sara' "dipende", e immagino, ma essendo proprio alle prime armi chiederei magari 2-3 esempi piu' importanti per i 2 tipi (liquide/non)


2) Per le colture liquide esistono dei preparati "universali", come lo e' l'agar per quelle solide o sono piu' specifiche?


3) Come si ottiene una coltura "pura" diciamo di qualche tipo di cellula animale? Se volessi per esempio una coltura di sole cellule epiteliali diciamo, come si "separano" le cellule animali/da altre cellule/microorganismi per avere colture "pure" ?

Scusate se ho fatto domande banali ma cercando in giro ho trovato molto poco e sarei molto interessato a conoscere questi dettagli.

Grazie mille della disponibilita'

IlTeo
Nuovo Arrivato



5 Messaggi

Inserito il - 02 settembre 2016 : 12:08:30  Mostra Profilo Invia a IlTeo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao,
Provo a rispondere alle tue domande che penso non siano affatto banali.

1) cosa intendi per "liquide" e "solide"? se ho capito bene intendi colture di cellule in "sospensione" o "adesione", giusto? Nel caso cellule in adesione queste sono adese ad un supporto che pu˛ essere comunemente plastica (tal quale oppure con uno strato di composti che ne favoriscono l'adesione come la fibronectina o il collagene). Al contrario le cellule in sospensione rimangono libere nel terreno di coltura senza essere adese alla superficie del supporto. Per scegliere una tra le due tipologie di coltura ci si pu˛ basare sulla letteratura (es. cellule note per crescere in sospensione o in adesione), oppure sulle caratteristiche di base delle cellule (es. le mesenchimali sono note per la loro capacitÓ di adesione su plastica, le cellule del sangue come i PBMC rimangono in sospensione con alcuni sottopopolazioni che aderiscono alla plastica).

2) Anche per questo esistono dei terreni base (DMEM, RPMI 1640 e molti altri) e dei composti base da aggiungere ai terreni per consentirne la sopravvivenza e la crescita. Non direi che sono "universali" ma hanno una base abbastanza versatile e quindi sono impiegati per molte colture. Altre cellule magari richiedono giÓ di partenza dei terreni pi¨ particolari e specifici. Da qui ci si pu˛ sbizzarrire su una marea di opzioni in base alle tue esigenze: ad esempio se devi far differenziare delle staminali, esistono in commercio dei terreni specifici per farle differenziare selettivamente, oppure si possono aggiungere al terreno base altri composti (fattori di crescita, citochine) in base alle necessitÓ. Tutto questo vale sia per le colture in sospensione che per l'adesione.

3) La purezza della coltura Ŕ sicuramente un fattore molto importante, soprattutto per la traslazione di un tipo di cellule verso le applicazioni in clinica. Generalmente esistono dei protocolli per separare da un tessuto un tipo di cellule specifico ma, purtroppo, Ŕ difficile ottenere la purezza totale esclusivamente con il primo isolamento. Fortunatamente, la tecnologia ci viene incontro mettendo a disposizione strumenti come il FACS sorter, o la separazione con biglie magnetiche. Ad esempio il FACS Sorting si basa sul riconoscimento di particolari antigeni presenti sulle nostre cellule d'interesse da parte di anticorpi legati a una molecola fluorescente. Immaginati di avere un marasma di cellule diverse ricavate da un isolamento e di sapere che la tua popolazione d'interesse ha sulla membrana un particolare antigene che le altre non hanno. Utilizzando un anticorpo fluorescente diretto contro il tuo antigene andrai a marcare esclusivamente la popolazione che ti interessa. Lo strumento riconoscerÓ tramite dei laser l'anticorpo legato alle cellule con quell'antigene e pu˛ separarle fisicamente. Al termine avrai una popolazione "pura" delle tue cellule d'interesse.

Chiedo scusa se mi sono dilungato troppo :) se hai altri dubbi sono qui

Buona giornata
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto Ŕ utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina