Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Fisiologia
 CONI E BASTONCELLI
 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Tag   medicina    fisiologia    occhio    retina    fisiologia oculare  Aggiungi Tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Matteo_qtt
Nuovo Arrivato



1 Messaggi

Inserito il - 14 marzo 2019 : 00:12:37  Mostra Profilo Invia a Matteo_qtt un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Salve ragazzi, sono nuove del forum e mi sono iscritto, oltre per il fantastico aiuto che mi avete dato in molte occasioni, perchè non riesco a dare risposta ad una domanda forse stupida ma che mi ossessione:
I fotorecettori sono sensibili alla luce; i Bastoncelli che sono deputati alla visione notturna ( si attivano maggiormente in scarse condizioni di luce) iperpolarizzano con la luce e depolarizzano ( rilasciano glutammato) con il buio determinando la trasmissione del segnale.
Perchè i coni che sono deputati alla visione diurna hanno lo stesso comportamento dei bastoncelli? Perchè anche loro iperpolarizzano in condizioni di luce? in Teoria non dovrebbero depolarizzare e rilasciare glutammato dato che funzionano di giorno?
Evidentemente mi manca qualche passaggio e perciò vi chiedo aiuto!
Grazi in anticipo e scusate la domanda idiota.

IFNy
Nuovo Arrivato



1 Messaggi

Inserito il - 17 marzo 2019 : 17:50:39  Mostra Profilo Invia a IFNy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao! In realtà entrambi i tipi di fotorecettori funzionano esattamente allo stesso modo: all'arrivo dello stimolo luminoso (fotoni) iperpolarizzano e riducono il rilascio di glutammato. Sono semplicemente specifici per lunghezze d'onda diverse.

Il fatto che la visione "diurna" (fotopica) si basi sui coni e quella "notturna" (scotopica) sui bastoncelli, è più legata alla diversa intensità luminosa (quantità di fotoni) e alle caratteristiche del circuito a valle, che determinano la diversa sensibilità dei due tipi di visione:

- ogni cono fa sinapsi SINGOLARMENTE con una cellula bipolare: il sistema è quindi altamente specifico (si sa per certo da quale posizione arriva lo stimolo) ma ha bassa sensibilità (è necessario che lo stimolo luminoso arrivi proprio su quel fotorecettore).

- più bastoncelli fanno invece sinapsi su una cellula bipolare: il sistema è altamente sensibile (basta che sia ben attivato un bastoncello per attivare la cellula bipolare), ma meno specifico (non c'è un modo per distinguere quale bastoncello è stato attivato, e dunque da quale posizione precisa della scena visiva arrivi lo stimolo) (o potrebbe essere anche che più bastoncelli siano attivati in modo blando, ma sommando il segnale sulla singola cellula bipolare di convergenza, questa si attiva comunque). E' per questo che il sistema bastoncellare entra in gioco quando la luminosità luminosa è scarsa.

Spero di aver risposto alla domanda in modo chiaro :)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina