Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Influenza voto magistrale nel mondo del lavoro
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

pierpaoloc
Nuovo Arrivato



2 Messaggi

Inserito il - 04 maggio 2021 : 18:23:56  Mostra Profilo Invia a pierpaoloc un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Buonasera a tutti,
sono uno studente al secondo anno della laurea magistrale in Biologia Molecolare e Cellulare e facendo esami sto calcolando via via la media che ottengo. Mi sto rendendo conto che da c'è una certa pressione a mantenere la media ad un certo "standard" (che praticamente rasenta la perfezione) che però non so se riuscirò a mantenere. Premetto che a livello personale, proprio perché so molto bene che cosa vuol dire avere il 110/110 rispetto ad un 110/110 e lode ( semplicemente l'unica differenza tra i due può essere che a due esami, ci può essere la differenza di 1 punto rispetto all'altro, quindi non c'è differenza), non vedo tutta questa differenza tra lode o meno. Il problema si pone però quando questo effettivamente fa una grossa differenza post laurea, nel mondo lavorativo, di fronte ad aziende o per cercare un posto per un eventuale futuro dottorato (se mai lo farò). Quindi dato che difficilmente riuscirò a mantenere la media esatta per 110/110 e lode ( semplicemente perché anche studiando e impegnandomi non ho una grande arte oratoria, ed è quello che principalmente mi penalizza) perché per ottenerla dovrei mettermi a rifiutare ottimi voti ( come 28) finché non prendo un 30, vorrei sapere come è visto un laureato magistrale in Biologia che non ha raggiunto la lode ( ma comunque con una votazione che secondo me è "decente", come 110/110).
Scrivo qui quindi per capire se qualcuno è stato scartato a priori da un'azienda o per un posto di dottorato solo perché non ha raggiunto la lode o comunque per capire l' impatto che tale voto ha tramite esperienze ed opinioni. Guardando su LinkedIn i vari profili di ricercatori vedo che in molti, se scrivono il voto, è perché è "110/ 110 e lode" altrimenti non lo scrivono neanche. Davvero è così "discriminatorio" un voto inferiore ( anche di poco) tanto da non scriverlo nel curriculum?
Sono uno studente e sono qui semplicemente per cercare di capire la situazione, il mio intento non è sminuire nessuno, né voti o persone. Spero che si instauri una conversazione che mi faccia un po'più chiarezza per questa situazione.
Vi ringrazio per qualsiasi tipo di informazione, qualsiasi cosa è utile.

sofychan
Nuovo Arrivato



87 Messaggi

Inserito il - 05 maggio 2021 : 07:28:16  Mostra Profilo Invia a sofychan un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
In azienda meglio voto piu' basso, per esperienza mia e di colleghi se esci col massimo vieni scartato subito. Dottorato il contrario.
Comunque non ha davvero senso porsi cosi' tante pare per... una lode nel voto finale?
Torna all'inizio della Pagina

scient
Nuovo Arrivato



34 Messaggi

Inserito il - 07 maggio 2021 : 16:52:42  Mostra Profilo Invia a scient un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao credo anche io che se hai un voto di laurea alto vieni scartato in azienda (mi sono laureata con lode). Io partivo da 109 come voto di base laurea ossia prima della laurea. Il voto di laurea alto forse, conta solo in alcuni tipi di PhD e nemmeno in quelli visto che persone con voti "bassi di laurea" non hanno avuto problemi anche con i dottorati. Consiglio: non focalizzarti sul voto. In bocca al lupo.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina