Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Lavoro dopo farmacia [Era: leggete tutti..]
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

lawier
Nuovo Arrivato

Città: genova


10 Messaggi

Inserito il - 25 luglio 2007 : 09:43:43  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lawier Invia a lawier un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Salve gente,
mi sono apeena iscritto a questo forum � girovagando fra le vostre pagine ho notato che la situazione tra biologi e farmacisti nn titolari � parecchio pesante .
Sono iscritto regolare a farmacia, universit� di Milano, media 28.9, il problema � che quando uscir� dall'universit� avr� delle opportunit� di lavoro?
Mi sembra che tutti i farmacisti non titolari una volta finiti gli studiuniversitari siano obbligati a lavorare come commessi x tutto il resto della vita a stipendi da fame....
Sapete se � possibile con il titolo di laurea che conseguir� fare qualche specialit� o master che dia lavoro? Come la situazione se mi volessi fermare in universita?
Come la situazione per gli informatori farmaceutici? Le aziende assumono?
Secondo voi a questo punto mi conviene cambiare? Avevo pensato di infilarmi in qualche numero dell'area sanitaria, magari facendomi convalidare un po' di esami (tipo tecnico di radiologia o tentare odonto, ma mi spiace buttare via 3 anni di lavoro....e milano nn e propio leggerissima.
Oppure mi conviene finire qui (in pratica avrei ancora un anno e mezzo di studio essendo perfettamente in corso) ed eventualmente fare una seconda laurea???
Ogni parere � ben accetto.
Graziew mille per ogni consiglio

fpotpot
Utente

Città: middleofnowhere


1056 Messaggi

Inserito il - 25 luglio 2007 : 10:09:48  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di fpotpot Invia a fpotpot un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
caspita se nn ti dispiace convertirti gli esami in un'area di piu' possibile impiego e nn ti dispiace lasciare l'idea di diventare farmacista,sei ancora in tempo per cambiare!
e' brutto vedere come chi arriva nel forum si scoraggi ma purtroppo spesso si parla di esperienze dirette in prima persona e nn di cose inventate o scritte sugli ordinamenti unviersitari,la teoria e' troppo lontana dalla pratica in italia e forse e' meglio affrontare la cosa da subito,la situazione e' difficile per tutti i giovani ma per i ricercatori e le industrie farmaceutiche in italia e' veramente poco piu' di paesi come l'albania,la romania.Per il resto di europa occidentale (scandinavia,germania,uk benelux,irlanda,danimarca,spagna,francia e forse pure portogallo tra un po') noi ci possiamo attaccare al tram.
I dubbi che ti poni son legittimi e -parer personale-se nn ti muore il cuore a nn diventare farmacista converti quel che hai fatto e tutti gli sforzi a fini migliori..in boccallupo!
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted



488 Messaggi

Inserito il - 25 luglio 2007 : 10:13:19  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di n/a  Rispondi Quotando
Una CTF (che lavorava come ISF) partecipò al corso FIP nutrizione per svolgere l'attività di nutrizionista. Da un punto di vista legale (ma ti consiglio di informmarti presso il tuo ordine professionale) non mi risulta che i farmacisti possano elaborare diete ma possono, come tutti, dare consigli nutrizionali.
Le alternative possono essere (oltre all'ISF) l'attività di erborista (integrandola con l'omeopatia, attività consentita ai farmacisti e non ai biologi).
Devi valutare anche le tue attitudini personali (le cose che ti piace fare di più) e cercare di costruirti una professione che ti consenta di sfruttarle.
Torna all'inizio della Pagina

lallasmagic
Nuovo Arrivato

Prov.: Taranto
Città: taranto


19 Messaggi

Inserito il - 02 agosto 2007 : 17:50:25  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lallasmagic Invia a lallasmagic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
io studio farmacia a bari e sono quasi alla fine. sto facendo una tesi sperimentale presso un laboratoriodella mia facoltà e ti assicuro che non è nei miei programmi fare la "commessa" per il resto dei miei giorni. il laureato in farmacia ci sono tante possibilità..ricerca,controllo di qualità,isf,lavoro presso un'industria farmaceutica..ma serve tanta passione e tanta voglia di fare!!non scoraggiarti!!devi amare quello che stai studiando!!
Torna all'inizio della Pagina

lawier
Nuovo Arrivato

Città: genova


10 Messaggi

Inserito il - 06 agosto 2007 : 12:57:48  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lawier Invia a lawier un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ti ringrazio lalla per la tua opinione.
Cmq ti garantisco che mi piacciono molto le materie che sto studiando, il problema è che secondo me le alternative una volta avuto il famoso pezzo di carta non sono molte.
Da una rapida indagine che ho fatto risulta possibile seguire strade:
Farmacista collaboratore: (1043 euro netti, diventano 1200 dopo vent anni nella stessa farmacia).
Farmacista ospedaliero: Teoricamente si potrebbe lavorare in ospedale, ma di fatto è praticamente impossibile (4 anni di specialità, visto che i concorsi vengono fatti una volta a decennio e riguardano uno-due posti ai quali si presentano un'infinitò di candidati).
Rimane il settore industriale farmaceutico, che è in crisi, in quanto le multinazionali preferiscono delocalizzare la produzione in paesi emergenti dove un laureato costa molto meno.
Rimane l'isf, ma leggendo un po' questo forum, nn mi sembra una valida alternativa oppure provare ad inserirsi nell'uni, il rischio è quello xo di rimanere a 40 come assistente.
Quello che scrivo nn lo metto ASSOLUTAMENTE per fare polemica, in quanto sono cose che ho visto parlando con gente già laureata e purtroppo le possibilitò sono queste.
Spero di chiarire le idee alla gente che si voglia iscrivere alla facoltà di farmacia a cosa va incontre, se avessi saputo queste cose io nn mi sarei di sicuro iscritto.
Ora provero qualche test o mi cerchero un lavoro.
Ciao a tutti
Torna all'inizio della Pagina

lallasmagic
Nuovo Arrivato

Prov.: Taranto
Città: taranto


19 Messaggi

Inserito il - 10 agosto 2007 : 20:57:04  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lallasmagic Invia a lallasmagic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
se la mettiamo sulla questione economica allora...
io scelgo di studiare ciò che mi piace non quello che mi farà guadagnare più soldi!!!
punti di vista.
ciao
Torna all'inizio della Pagina

Bio
Nuovo Arrivato



55 Messaggi

Inserito il - 10 agosto 2007 : 21:18:07  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Bio Invia a Bio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
NN dobbiamo scoraggiarciiiiiiiiiiiiii!! è vero ke in Italia la situazione è penosa, ma se si è studiato quello che piace è giusto continuare sulla propria strada! D'accordo cn Lalla...
Torna all'inizio della Pagina

Bio
Nuovo Arrivato



55 Messaggi

Inserito il - 10 agosto 2007 : 21:23:00  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Bio Invia a Bio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
A differenza di te lawier io sapevo a cosa andavo incontro quando m sn iscritta e ora sono laureata in biologia alla ricerca di qualcosa...
tuttavia, ho studiato quello che amavo senza pentimenti, anzi credo ke nn avrei proprio potuto stud altro! Forza e coraggio!!
Torna all'inizio della Pagina

lawier
Nuovo Arrivato

Città: genova


10 Messaggi

Inserito il - 10 agosto 2007 : 21:40:25  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lawier Invia a lawier un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Secondo me va bene studiare quello ke piace, ma anke cn un occhio al futuro.
Basta essere coscienti ke una volta finiti gli studi questa laurea ha una difficile spendibilità nel mondo del lavoro, poi ognuno è libero di fare quello che più gli piace e a cui si sente più portato, ci mancherebbe il contrario.
Il problema è ke l’orientamento universitario è alquanto carente, molti (me compreso) escono un po spaesati dalla maturità e fanno una scelta ke magari rimpiangerrano anni dopo….vedo molti biologi arrabbiati e disillusi nel forum.
Anche io sono disilluso, forse è meglio accorgersene in tempo prima di arrivare al famoso pezzo di carta, mi piacerebbe però magari di informare meglio qualke matricola finita per caso su queste pagine, dopo la maturità avrei pagato per avere un parere neutrale.
Il problema è ke la facolta di farmacia in Italia è diventata ostaggio dell’associazione dei titolari di farmacia, fa comodo ingannare ragazzi facendogli sognare favolosi futuri nel controllo di qualità, progettazione e sviluppo del farmaco, piena occupazione e unicorni ke ti portano a spasso per i vari dipartimenti….
In questo modo si ottiene cosi una buona massa di laureati ke non trovando lavoro saranno x forza costretti a lavorare in farmacia pagati meno di un operaio, e su questo i titolari ci marciano.
Perche i presidi di facolta non permettono l’iscrizione ai soli figli dei titolari? Dai diciamo una buona volta questo titolo non vale niente e chiudiamo la facolta, oppure ammettono che è tutta una truffa ed informino gli studenti cosi si potranno spostare in facolte di serie a (anche se a livello legislativo questa cosa nn mi risultasse).
Ciao a tutti e un in bocca al lupo a lalla

Torna all'inizio della Pagina

lallasmagic
Nuovo Arrivato

Prov.: Taranto
Città: taranto


19 Messaggi

Inserito il - 14 agosto 2007 : 13:56:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lallasmagic Invia a lallasmagic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
questo titolo non vale niente?
ma sbaglio o è una laurea specialistica a ciclo unico????io non so che esperianza tu abbia fatto lì a genova o con chi tu abbia parlato per farti ragionare così..io ho mille amici laureati in farmacia o ctf che si stanno rimboccando le maniche e stanno andando alla ricerca di un lavoro che non sia quello da dipendente in farmacia!!alcuni ce l'hanno già fatta..altri stanno per farcela ed altri ancora stanno ancora cercando!! oh ma...scherziamo??? vuoi mettere una laurea in farmacia con una laurea triennale di medicina???senza nulla togliere a nessuno...MA NON C'è PARAGONE!!!!
CREPI IL LUPO.
Torna all'inizio della Pagina

pigal81
Nuovo Arrivato




55 Messaggi

Inserito il - 14 agosto 2007 : 19:59:12  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di pigal81 Invia a pigal81 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da lallasmagic

questo titolo non vale niente?
ma sbaglio o è una laurea specialistica a ciclo unico????io non so che esperianza tu abbia fatto lì a genova o con chi tu abbia parlato per farti ragionare così..io ho mille amici laureati in farmacia o ctf che si stanno rimboccando le maniche e stanno andando alla ricerca di un lavoro che non sia quello da dipendente in farmacia!!alcuni ce l'hanno già fatta..altri stanno per farcela ed altri ancora stanno ancora cercando!! oh ma...scherziamo??? vuoi mettere una laurea in farmacia con una laurea triennale di medicina???senza nulla togliere a nessuno...MA NON C'è PARAGONE!!!!
CREPI IL LUPO.




Io pure studio ctf, non conosco mille amici laureati come te, quelli che conosco io (20-30) fanno quasi tutti qualcosa (questo si!), ma niente di eccezionale e promettente. La maggior parte fa ricerca tramite borse di studio (misere e di brevissima durata) o dottorato di ricerca (alcuni senza essere pagati!!), altri lavorano in farmacia.
La laurea in farmacia e ctf sembrerebbe aprire grandi prospettive, ma a me sembra che la realtà sia molto diversa...
Torna all'inizio della Pagina

lawier
Nuovo Arrivato

Città: genova


10 Messaggi

Inserito il - 14 agosto 2007 : 21:44:59  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lawier Invia a lawier un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bho magari al sud è diverso.....
Gran parte della gente che conosco è finita a lavorare in farmacia pur essendo uscita col massimo, specialità e dottorato.
Il problema è che l'industria farmaceutica in Italia è morta; costa molto meno andare ad aprire un industria in India e con 1000 euro ti paghi 3 o 4 laureati.
Cosi praticamente si continuano a sfornare neolaureati che avranno come UNICA prospettiva andare a lavorare come commessi con un contratto del commercio identico ad un cassiere dell'esselunga (pero non ha studiato 5 anni nella migliore delle ipotesi e nn si è spaccato la testa su kimica farmaceutica 1 e 2).
Allucinante vero?
Negli opuscoli delle facoltà dovrebbero scrivere ATTENZIONE genera disoccupazione e disillusione.
Questo pero non succederà mai, hai prof fa comodo uno stuolo di studenti che pagano le tasse e gli mantengono la cattedra (se penso che andavo a lavorare come cameriere per mantenermi...).
E cmq secondo me a questo punto è sicuramente meglio una laurea triennale sanitaria in quanto sicuramente da più prospettive occupazionali, senza nulla togliere a nessuno.
Linko un forum tutto di farmacisti ke spiega molto meglio di come posso farlo il fenomeno, fa rabbia pero aver studiato e dover mollare tutto, tutte le cose che sappiamo non possiamo metterle in pratica.
Ecco il sito:http://www.mnlf.it/Forum%20farmacista.htm
Torna all'inizio della Pagina

Sh@wn
Nuovo Arrivato




20 Messaggi

Inserito il - 25 novembre 2007 : 15:01:28  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Sh@wn Invia a Sh@wn un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao,
se dovessi scegliere se fare l'informatore o il commesso in farmacia, preferirei fare l'ISF.
Anche perchè lo sto facendo e sono molto contento.
Punti di vista..

http://www.informatori.info/forum

Ciao


www.Informatori.Info
Torna all'inizio della Pagina

Doc-t
Nuovo Arrivato




20 Messaggi

Inserito il - 25 novembre 2007 : 17:10:17  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Doc-t Invia a Doc-t un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un po' tutti ci passano da questo tipo di crisi, ma gente con più esperienza di me mi ha fatto capire che non bisogna sempre dare retta alle previsioni. quelle sono per chi si accontenta o chi non vale molto. Se tu vali e vuoi fortemente una cosa le possibilità di riuscita ci sono! per valore si intende i voti, ma anche intraprendenza e voglia di sbattersi magari non avendo il posto dei sogni al primo colpo o dovendo spostarsi...

Doc-t
Torna all'inizio della Pagina

Luke
Nuovo Arrivato


Prov.: Napoli
Città: Napoli


10 Messaggi

Inserito il - 19 febbraio 2008 : 10:41:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Luke  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Luke Invia a Luke un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Una domanda per lawyer. Ma secondo te per un laureato in medicina senza santi in paradiso è facile??????
Rischiano di dover arrivare a 50 anni aspettando di poter entrare in una graduatoria specialistica o di stare alle dipendenze di qualche barone ad orari pazzeschi e stipendi da fame!!!!
Rimboccati le mani e punta sulla autoimprenditorialità.

Luke
Torna all'inizio della Pagina

Dochiara
Nuovo Arrivato



4 Messaggi

Inserito il - 20 febbraio 2008 : 19:29:59  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Dochiara Invia a Dochiara un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
CIao a tutti,ho un atroce dubbio che mi assilla....
Sono laureata in CTF e ho stenuto l'esame di stato in Farmacia a dicembre del 2006.Lavoro da due anni in un laboratorio chimico ed ora a lavoro mi chiedo se posso firmale le analisi chimiche.
E mi chiedo avendo sostenuto l'esame di stato in Farmacia,quindi iscrivendomi all'albo posso firmare le analisi??
Voi che ne pensate??potete aiutarmi??grazie mille...
Torna all'inizio della Pagina

puccio
Utente Junior

Prov.: Piacenza
Città: cortemaggiore


238 Messaggi

Inserito il - 20 febbraio 2008 : 21:16:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di puccio Invia a puccio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
concordo pienamente con lawier.. anche se vorrei essere sempre smentito da qualcuno.. per esempio uno che mi dica "puccio ti sbagli io sono laureato in biotecnologie lavoro in ITALIA,metto geni qui e la, e guadagno 2000 euro al mese" lo so e un po un utopia..e va be chi vivra vedra..
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina