Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Genetica
 fecondazione
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

gslori
Nuovo Arrivato


Prov.: Forlì-Cesena
Città: Savignano sul Rubicone


107 Messaggi

Inserito il - 22 settembre 2008 : 21:27:16  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di gslori  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di gslori Invia a gslori un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusate ma ho 2 dubbi sul processo di fecondazione nella fase terminale del processo.

1) Quando lo spermatozoo si fonde con la membrana vitellina rilascia nel citoplasma dell'ovocita oltre ai cromosomi anche 1 Centriolo. perchè? Non potrebbe duplicarsi il centrosoma dell'ovocità per permettere il completamento della meiosi 2?

2) So che il materiale genetico sia dello spermio che dell'uovo in questa fase vengono racchiusi dai pronuclei. Non ho capito se qui i cromosomi di entrambi si duplicano diventando dicromatidici o solo quelli del maschio.

grazie per la pazienza

frau_frosch
Utente Junior

Mourn

Città: Boston


225 Messaggi

Inserito il - 23 settembre 2008 : 10:03:23  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di frau_frosch Invia a frau_frosch un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Credo che la risposta alla prima domanda sia un discorso evoluzionistico: rientra nei meccanismi di protezione dalla partenogenesi (in altri termini, è un modo per evitare che una cellula germinale femminile con corredo ancora diploide si attivi).
Per la seconda domanda, entrambi i pronuclei duplicano il proprio DNA.
Spero di essere stata chiara...ciao!
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina