Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Tumore cervello, ok primi test vaccino terapeutico


Un vaccino terapeutico aumenta la sopravvivenza di pazienti malati della forma piu maligna di cancro al cervello, il glioblastoma multiforme.
Il vaccino si basa sulladdestramento in vitro di

Un vaccino terapeutico aumenta la sopravvivenza di pazienti malati della forma piu' maligna di cancro al cervello, il glioblastoma multiforme.
Il vaccino si basa sull''addestramento' in vitro di cellule immunitarie dell'organismo malato a riconoscere ed attaccare il male.
I risultati positivi arrivano grazie al lavoro di ricercatori del Cedars-Sinai's Maxine Dunitz Neurosurgical Institute su un gruppo di 14 pazienti coinvolti nel primo ciclo di sperimentazione clinica (fase I).
Gli esperti hanno riferito in due articoli entrambi apparsi sulla rivista Cancer Research che la sopravvivenza dei pazienti trattati e' di due anni e mezzo contro i soli sette mesi e mezzo dei controlli.
Al momento, ha riferito Keith Black, direttore dell'istituto, e' in via di completamento il secondo ciclo di sperimentazione (fase II) di cui gli scienziati renderanno presto noti i risultati.
L'idea del vaccino contro il glioblastoma nasce dall'aver identificato che tre antigeni tumorali gia' noti per essere l'etichetta distintiva di alcune neoplasie, HER-2, gp100 e MAGE-1, sono in realta' presenti anche nelle cellule di glioblastoma.
I ricercatori hanno prelevato dal sangue dei pazienti cellule dendritiche, chiamate cosi' per la loro forma ramificata, che nell'organismo riconoscono gli antigeni, in questo caso quelli tumorali, e li presentano all'apparato di difesa che di conseguenza inscena una strategia d'attacco.
In risposta alla presentazione degli antigeni il sistema immunitario si mette in moto. I linfociti T citotossici svegliati dalle cellule dendritiche si moltiplicano, attaccano ed uccidono le cellule etichettate dagli antigeni.
Nel vaccino terapeutico la fase di riconoscimento e presentazione dell'antigene da parte delle dendritiche avviene in vitro. Poi le dendritiche sono reiniettate nel sangue del malato da dove inscenano un attacco al tumore.
Una volta conclusi i passaggi della sperimentazione clinica, auspicano gli scienziati, questa tecnica di attacco sferzato dal corpo stesso del malato potrebbe divenire la prima opzione di cura per una neoplasia che finora non ha lasciato molte speranze di guarigione.

Fonte: Ansa (22/07/2004)
Pubblicato in Cancro & tumori
Tag: cervello, vaccin
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy