Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Wilmut chiede di clonare embrioni umani


Ian Wilmut, lo scienziato britannico che nel 1996 clono la pecora Dolly, ha chiesto la licenza per clonare embrioni umani nellambito di una ricerca per trovare una cura per le malattie che colpiscon

Ian Wilmut, lo scienziato britannico che nel 1996 clono' la pecora Dolly, ha chiesto la licenza per clonare embrioni umani nell'ambito di una ricerca per trovare una cura per le malattie che colpiscono le cellule nervose addette al controllo dei movimenti (motoneuroni).
Qualora la licenza venisse concessa, al professor Wilmut ed ai suoi collaboratori del Roslin Institute di Edinburgo verrebbe concesso di clonare cellule di pazienti affetti dalle malattie del motoneurone per studiare come queste si sviluppano nell'embrione.
Una simile licenza era gia' stata concessa ad agosto dall'autorita' britannica per l'embriologia e la fecondazione umana (Hfea) ad un gruppo di ricercatori dell'universita' di Newcastle al fine di clonare embrioni dai quali estrarre cellule staminali da utilizzare in nuovi trattamenti contro malattie incurabili come l'Alzheimer ed il morbo di Parkinson.
Gia' in agosto la concessione della licenza aveva sollevato le polemiche dei gruppi di pressione per la tutela del diritto alla vita secondo i quali la clonazione di un embrione umano, sebbene per scopi terapeutici, implica la creazione e la successiva distruzione di una vita umana.
La clonazione per scopi terapeutici e' tuttavia legale in Gran Bretagna dal 2001.
Il professor Wilmut ha precisato che l'obbiettivo della sua ricerca non e' quello di dare origine a cloni umani e che gli embrioni clonati verranno distrutti dopo esser stati utilizzati negli studi sulle malattie del motoneurone.
''Voglio sottolineare che l'obbiettivo e' quello di comprendere la malattia piu' a fondo. E' nostro dovere nei confronti di coloro che sono affetti e soffrono a causa delle malattie del motoneurone cercare di sviluppare trattamenti efficaci'', ha detto Wilmut.
I ricercatori del Roslin Institute progettano di prelevare DNA dalla pelle e dal sangue di soggetti affetti dalle malattie del motoneurone ed impiantarlo in una cellula uovo umana il cui codice genetico e' stato rimosso. Dopo che la cellula uovo si e' trasformata in embrione, gli scienziati vorrebbero prelevarne alcune cellule allo scopo di studiarle per comprendere meglio la dinamica di sviluppo di queste malattie. Gli embrioni verrebbero distrutti al sesto giorno di sviluppo, quando cioe' raggiungono lo stadio di blastocisti, il livello di sviluppo embrionale che precede il momento in cui l'embrione puo' essere impiantato nell'utero.

Fonte: Ansa (29/09/2004)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: clona%uman%, clonazione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy