Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Clonazione: no a restrizioni su trasferimento nucleare


"Il no alla clonazione umana non deve comportare restrizioni legislative alluso della tecnica del trasferimento nucleare dei nuclei somatici, che e alla base della clonazione. E di queste oppo

"Il no alla clonazione umana non deve comportare restrizioni legislative all'uso della tecnica del trasferimento nucleare dei nuclei somatici, che e' alla base della clonazione. E' di queste opportunita', e non della loro messa al bando, che dobbiamo dibattere": lo ha detto Carlo Alberto Redi, titolare del corso di Biologia delle cellule staminali all'Universita' di Pavia.
Redi, che e' direttore del gruppo di ricerca che ha clonato la topina "Cumulina", ha parlato a margine del convegno "La clonazione fra realta' e fantasia" svoltosi, oggi pomeriggio, al Centro Congressi Giovanni XXIII nell'ambito di BergamoScienza. "E' assurdo mettere in campo l'idea che esistano scienziati appassionati del gioco di fare Dio - ha aggiunto Redi - Semmai, occorre lavorare per stabilire una procedura corretta d'informazione dei cittadini, attraverso la quale essi possano autonomamente stabilire che cosa e' lecito e cosa no".
Che sia la paura il grande ostacolo da rimuovere sulla strada della ricerca in questo settore lo ha sostenuto anche Edoardo Boncinelli, direttore della Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste: "Il vero problema - ha detto - e' che tra la gente c' e' molto timore e ci vorranno anni prima che, parlando di queste cose, le persone non si spaventino.
Ma questa e' la medicina del futuro, una nuova frontiera che potrebbe riavviare e rendere funzionante anche la terapia genica, sulla carta bellissima ma, finora, afflitta da forti lentezze".
Redi ha comunque ripetuto il suo fermo no alla clonazione umana: "Per clonare servono decine e decine di ovuli e pseudomadri. A subirne le conseguenze sarebbe soltanto la donna. Gia' adesso, su alcuni giornali Usa, si possono leggere annunci allucinanti di donatrici di uova". Resta, invece, aperta la porta alla clonazione terapeutica: "Produrre organi o tessuti umani da una o poche cellule - ha affermato Boncinelli - puo' essere una strada positiva per curare molte patologie, anche gravi. Occorre pero' superare la diffidenza, alimentata da movimenti d'opinione oceanici. Finché questo ostacolo non sara' rimosso, risultera' molto difficile andare avanti. La prossima tappa? Capire se i processi potranno essere realizzati partendo da cellule adulte o se sara' necessario far ricorso, soprattutto per alcuni tipi di tessuti, a cellule embrionali. Al momento non lo sa nessuno". Ma, proprio a proposito dell'utilizzo degli embrioni in soprannumero, che ora giacciono in depositi in attesa di essere distrutti, il professor Redi ha spiegato: "Esistono, dobbiamo prenderne atto. E ci dobbiamo chiedere: quale responsabilita' abbiamo, noi, nei loro confronti? Nel solo registro inglese, dal '91 al '98, ne sono stati buttati via 237.603. E buttarli via vuol dire, semplicemente, gettarli nel lavandino. E' giusto che accada tutto cio'?".

Fonte: Ansa (12/10/2004)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: Clonazione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy