Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

La depressione riduce il volume del cervello


La depressione riduce il volume del cervello.Ma cure adeguate permettono il recupero del danno, oltre a migliorare le condizioni cliniche del paziente. Lo confermano studi condotti per oltre un decenn

La depressione riduce il volume del cervello.Ma cure adeguate permettono il recupero del danno, oltre a migliorare le condizioni cliniche del paziente. Lo confermano studi condotti per oltre un decennio nei principali centri di ricerca di Stati Uniti, Canada, Inghilterra ed Italia, e i cui risultati saranno illustrati oggi a Pisa nel corso 'Simposio sulla neuroplasticitÓ e i disturbi dell'umore' , in corso nella citta' toscana presso l'area di ricerca del Cnr. Un incontro che riunisce oltre 400 esperti internazionali- provenienti da Stati Uniti ed Europa - con l'obiettivo di ''fare il punto sullo stato dell'arte di una delle pi¨ importanti scoperte delle neuroscienze dell'ultimo decennio: la plasticitÓ del cervello''. ''Il cervello era ritenuto fino a pochi anni fa un organo stabile ed immutabile'', afferma Armando Piccinni, del Dipartimento di Psichiatria dell'universitÓ di Pisa, che insieme a Luciano Domenici, dell'Istituto neuroscienze Cnr, ha coordinato gli studi italiani sugli effetti della depressione.
''Si pensava - continua - che il patrimonio di cellule nervose ricevuto alla nascita potesse, con il passare degli anni, soltanto diminuire. Oggi sappiamo, grazie agli studi sulla plasticitÓ nervosa, che il nostro cervello nel corso della vita va incontro ad un continuo rimaneggiamento delle sue strutture attraverso processi continui di rimodellamento''. Si e' scoperto cosi', attraverso ''sofisticati studi di neuroradologia - continua l'esperto - che alcune aree cerebrali diminuiscono di volume in presenza di alcune patologie, come la depressione. Il trattamento di questi disturbi determina, oltre ad un miglioramento clinico, anche il recupero del danno morfologico. I fenomeni di plasticitÓ nervosa - aggiunge Luciano Domenici- sono governati da proteine, denominate fattori neurotrofici, che in persone con alcuni disturbi neuropsichiatrici, tra cui quelli dell'umore, risultano ridotte rispetto agli individui sani''. I fattori neurotrofici, pero', ''non si modificano solo in condizioni di patologia - conclude l'esperto - ma sono aumentati in particolari condizioni fisiologiche come la dieta ipocalorica e l'esercizio fisico. Quindi anche lo stile di vita appare importante per prevenire lo sviluppo di gravi malattie del cervello .

Fonte: AdnKronos (11/04/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: depressione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy