Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Funziona terapia genica contro emofilia, sperimentata su animali


Funziona la terapia genica contro lemofilia A, la forma della malattia piu diffusa che colpisce soprattutto gli uomini e rappresenta l80% dei casi. La terapia, sperimentata nei cani e nei topi, e

Funziona la terapia genica contro l'emofilia A, la forma della malattia piu' diffusa che colpisce soprattutto gli uomini e rappresenta l'80% dei casi. La terapia, sperimentata nei cani e nei topi, e' in grado di eliminare i sintomi risolvendo i problemi di coagulazione del sangue e annullando il rischio di emorragie. Sono i risultati di uno studio statunitense pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Il metodo utilizzato da Lingfei Xu, della Washington University School of Medicine (St. Louis), si basa sull'inserzione di un gene per il fattore di coagulazione VIII nel fegato. L'intervento viene effettuato con una semplice iniezione endovenosa ed e' tanto piu' efficace quanto piu' viene effettuato precocemente.
Questo perche' cosi' e' possibile minimizzare il rischio che il sistema immunitario reagisca alla proteina sconosciuta attaccandola. ''Il prossimo passo, prima di passare alla sperimentazione nei pazienti - spiega l'autore - sara' testare il metodo nei primati. Lo sviluppo del sistema immunitario di queste scimmie e' infatti piu' simile a quello umano''. L'emofilia A e' causata da un difetto genetico che blocca la produzione del fattore di coagulazione VIII. Attualmente la cura consiste nel somministrare ai pazienti fattore VIII prelevato da donatori ma ha una scarsa efficacia perche' il sistema immunitario cerca di distruggere la proteina estranea. Cosi', subito dopo la nascita, undici topi e due cani con emofilia A sono stati trattati con il gene per il fattore VIII combinato ad un virus 'trasportatore', il gamma retrovirus. Il gene e' stato 'rimpicciolito', tagliando parti non importanti, ed e' stato unito ad un altro piccolo gene che ne 'guidava' l'inserzione nelle cellule epatiche. Si e' cosi' scoperto che le cellule modificate si erano replicate conservando il gene - fino a costituire circa il 12% del fegato adulto - e producevano il fattore VIII in quantita' normali e costanti. In piu' di un anno e mezzo gli animali non hanno manifestato alcun sintomo di emofilia ne' hanno sviluppato risposte immunitarie contro il fattore VIII.

Fonte: AdnKronos (21/04/2005)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: emofilia, fattore VIII, terapia genica, VIII
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Societā Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy