Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Migrazioni alleate dell'influenza aviaria


Il contagio viaggia da est a ovest sulle rotte migratorie assieme agli animali selvatici

Il virus H5N1 dal 2003 ha ucciso oltre 60 persone in Asia. E 140 milioni di volatili morti. E le migrazioni degli uccelli acquatici aumentano il rischio di contagio dell'influenza aviaria. Il sospetto c'era da tempo e ora la conferma arriva dalla Fao: il virus dei polli viaggia da est ad ovest sulle rotte migratorie assieme agli animali selvatici.
Secondo la Fao Ŕ probabile che il ceppo mortale dell' influenza arrivi giÓ la prossima primavera, "in Medio oriente, in Europa, nel sud dell'Asia ed in Africa, a causa degli uccelli migratori acquatici". E successivamente, "quelli provenienti dalla Siberia, dove Ŕ stato individuato il virus h5n1, potrebbero portarlo nel mar Caspio e nel mar Nero". "Queste regioni - precisa l'organizzazione delle Nazioni Unite - e i paesi dei balcani potrebbero diventare la potenziale porta d'ingresso del virus in Europa centrale".
E infatti Ŕ la situazione dei paesi poveri del sud-est dell'Europa a preoccupare particolarmente la Fao.
Non ci sarebbero le condizioni per fronteggiare eventuali emergenze e questa incapacitÓ di gestione diventerebbe una cassa di risonanza per il virus. "Il timore - ha spiegato oggi Joseph Domenech, capo del servizio veterinario della Fao - Ŕ che questi paesi non abbiano le risorse per individuare il virus e fronteggiare l'esplosione di un'epidemia aviaria".
Ma ci sono anche molte altre rotte che gli uccelli migratori percorrono e che sono nel mirino dell'Organizzazione. L'Azerbaigian, l'Iran, l'Iraq, la Georgia, lUcraina e alcuni paesi mediterranei: tutte aree dove si potrebbero sviluppare focolai epidemici E pure India e Bangladesh, che al momento sembrano immuni dall'infezione, sono da considerare a rischio.
Dal 2003 a oggi l'influenza aviaria ha ucciso oltre 60 persone in asia e pi¨ di 140 milioni di volatili sono morti o sono stati abbattuti nel tentativo di contenere i focolai epidemici. E sottolinea Domenech "Fintanto che il virus h5n1 continuerÓ a circolare tra i polli, gli esseri umani saranno a rischio". Perci˛ la Fao lancia un appello all'Unione Europea, all'Ocse, alla
Banca mondiale e agli istituti regionali d'investimento a stanziare maggiori fondi einvestire di pi¨ nella sorveglianza e nella prevenzione contro la possibile diffusione del virus. "Prevenire il virus negli animali Ŕ il modo migliore per prevenire la pandemia" ha ribadito Domenech.

Fonte: LaRepubblica (31/08/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: influenza polli, influenza aviaria, migrazioni
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy