Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Aviaria a bassa patogenicitÓ infetta 7 italiani

Virus influenzale


Alcuni sottotipi del virus dellinfluenza aviaria, a bassa patogenicitÓ rispetto al temibile H5N1, sono in grado di infettare luomo. E accaduto in Italia: sette allevatori italiani sono risultati posit

Alcuni sottotipi del virus dellinfluenza aviaria, a bassa patogenicitÓ rispetto al temibile H5N1, sono in grado di infettare luomo. E accaduto in Italia: sette allevatori italiani sono risultati positivi al virus H7N3, senza pero presentare sintomi. Lo hanno dimostrato, per la prima volta, ricercatori dellIstituto superiore di sanitÓ. Lequipe ha analizzato 983 campioni di sangue prelevati da addetti al settore avicolo di regioni del Nord Italia, interessate da epizoozie di influenza aviaria, causate da virus di sottotipo H7 tra il 1999 e il 2003 negli allevamenti di pollame domestico.
Lo studio, che sara pubblicato il primo ottobre sul Journal of Infectious Diseases, Ŕ giÓ accessibile online sul sito della rivista. Nelle epidemie studiate sono circolati due sierotipi di virus H7N1 ed H7N3. Sette persone, esposti ai pi¨ recenti focolai di virus H7N3 a bassa patogenicitÓ, sono risultati positivi a questultimo sottotipo. Si tratta di lavoratori degli allevamenti di due differenti localitÓ del Nord Italia: venuti a stretto contatto con il pollame infetto, non presentavano sintomi associati allinfezione. Questo non significa che il passaggio del virus dallanimale alluomo sia certo e imminente - precisa Isabella Donatelli, virologa dellIss e principale autore dello studio - Anzi i virus influenzali aviari, per le loro caratteristiche antigeniche, patogenetiche e di specificitÓ dellospite, sono scarsamente capaci di replicarsi nelluomo.
Siamo riusciti a dimostrare per la prima volta scientificamente, mediante lutilizzo di nuovi e specifici test sierologici - spiega la Donatelli - che virus influenzali aviari a bassa patogenicitÓ, appartenenti al sottotipo H7, sono in grado di infettare luomo, inducendo una risposta immunitaria specifica. La trasmissione alluomo, pur in assenza di sintomi clinici - avverte la ricercatrice - potrebbe creare le condizioni ideali per lo scambio di segmenti genici tra virus influenzali aviari e umani, favorendo la comparsa di un nuovo virus influenzale potenzialmente patogeno per luomo e facilmente trasmissibile attraverso il contagio uomo-uomo. Sarebbe la mutazione virale tanto temuta dallOrganizzazione mondiale della sanita.
Fino ad oggi - prosegue la Donatelli - tutti i casi di infezione umana riportati in Asia, in Canada e nei Paesi Bassi sono stati associati a virus ad alta patogenicitÓ. E tutte le indagini svolte finora hanno cercato di studiare labilitÓ di tali microrganismi, come lormai noto H5N1 che circola nei Paesi del Sud-est asiatico, di compiere il temuto salto di specie: passare cioÚ dagli animali alluomo, provocando una potenziale pandemia. Per fortuna, spiega lesperta, i virus influenzali aviari sono scarsamente capaci di replicarsi nelluomo. Prova ne Ŕ che lH5N1, pur circolando dal 97 nelle regioni del Sud-est asiatico, non ha ancora subito modificazioni tali da essere facilmente trasmissibile alluomo. Il messaggio, pero, e chiaro: Il nostro studio invita a non abbassare la guardia e a migliorare i piani di sorveglianza dellinfluenza aviaria nelle specie animali suscettibili, anche in presenza di infezioni da virus aviari a bassa patogenicitÓ. Inoltre, spiega ancora la ricercatrice dellIss, le tecniche sierologiche che abbiamo utilizzato nellindagine costituiscono uno strumento efficace per evidenziare i possibili casi di trasmissione dellinfluenza aviaria alluomo, anche in assenza di sintomi conclamati.
Dunque, alla luce di quanto emerso dallo studio, per prevenire fenomeni di riassortimento genetico tra virus influenzali umani ed aviari - e la raccomandazione - va ribadita la necessitÓ della vaccinazione antiinfluenzale per le categorie di lavoratori esposti al contagio, come giÓ indicato nelle circolari ministeriali degli ultimi anni. LItalia infatti Ŕ stato il primo Paese europeo ad inserire gli operatori del settore avicolo tra le categorie per cui Ŕ raccomandata la vaccinazione contro la normale influenza. Il lavoro dellIss e stato svolto con il finanziamento dei progetti di ricerca dellUnione europea e con il contributo di ricercatori e Istituti veterinari, a dimostrazione della necessitÓ - conclude la Donatella - di un sempre maggiore coordinamento tra i settori della sanitÓ pubblica umana e veterinaria, come pi¨ volte raccomandato anche dallOms per una efficace strategia di prevenzione delle pandemie influenzali.

Fonte: AdnKronos (21/09/2005)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: H7N3, H5N1, aviaria
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy