Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Ulcere, si cureranno con le staminali

Staminali


Staminali di derivazione fetale - che non comportano i problemi etici connessi invece che quelle embrionali - potrebbero risanare le lesioni provocate dalla mancanza di ossigeno (ischemia) nei diabeti

Staminali di derivazione fetale - che non comportano i problemi etici connessi invece che quelle embrionali - potrebbero risanare le lesioni provocate dalla mancanza di ossigeno (ischemia) nei diabetici e che rappresentano una delle complicazioni pi¨ gravi e frequenti della malattia. Ricercatori dell'universitÓ di Bristol (Gran Bretagna) e dell'Istituto Neurologico Besta di Milano hanno dimostrato che la somministrazione di cellule staminali umane di derivazione fetale (recuperate
da aborti terapeutici o spontanei) stimolano la riparazione dei tessuti in
animali resi diabetici. I risultati della ricerca sono stati presentati di recente al secondo convegno annuale
dell'European Vascular Genomics Network di Amburgo.
Quando i tessuti dell'organismo soffrono per mancanza di ossigeno (ischemia), come accade durante un infarto al miocardio e nello sviluppo della gangrena diabetica, vanno incontro a necrosi (morte del tessuto).
Trattamenti sperimentali per˛ stimolano la guarigione
spontanea dell'organismo: somministrando fattori di crescita specifici o impiantando
nell'organismo i cosiddetti "Progenitori delle Cellule Vascolari" (VPC), cellule
ancora indifferenziate che, se opportunamente stimolate, possono trasformarsi in specie cellulari precise. Le VPC sono state recentemente identificate nell'aorta fetale da Paolo Madeddu
(Bristol) e da Giulio Alessandri (Milano). Tali cellule hanno attirato l'attenzione dei ricercatori per la loro capacitÓ di formare in vitro strutture simili ai vasi sanguigni e di stimolare in vivo la rigenerazione vascolare e scheletrica. Per questo Madeddu e Alessandri hanno deciso di verificarne il
potenziale terapeutico in topi di laboratorio. Dopo aver causato ulcere negli arti degli animali (occludendo l'arteria femorale), i ricercatori hanno iniettato le VPC umane sulla ferita e hanno osservato che la lesione si riduceva considerevolmente
nei 3-7 giorni successivi. "Inoltre", aggiunge Madeddu, "abbiamo constatato che queste cellule incrementano la formazione di nuovi vasi sanguigni nella zona della lesione. Il trapianto di VPC ha accelerato molto la chiusura della ferita. Sono risultati molto incoraggianti e che meritano una intensificazione delle ricerche per arrivare presto all'applicazione sull'uomo.

Fonte: LaRepubblica (18/10/2005)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: ulcera, ferita
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy