Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

ComunitÓ ecologiche autoregolate

Radici


Nessuna specie si appropria dello spazio riservato alle altre

Le regole non scritte della coesistenza nelle foreste pluviali tropicali impongono che nessuna specie debba appropriarsi di troppo spazio e scacciare fuori le altre. Lo rivela una ricerca, pubblicata sulla rivista "Nature", che mostra come le comunitÓ ecologiche siano in grado di autoregolarsi.
Amos Maritan dell'UniversitÓ di Padova ha collaborato con Stephen Hubbell dell'UniversitÓ della Georgia, Fangliang He dell'UniversitÓ dell'Alberta, Igor Volkov e Janyanth Banavar della Pennsylvania State University per dare una risposta ad alcune questioni fondamentali che gli scienziati si pongono sin dall'epoca di Darwin: perchÚ alcune specie sono cosý diffuse mentre altre sono rare? Come interagiscono fra loro le specie comuni e quelle rare? E come fanno centinaia, o addirittura migliaia, di specie a coesistere in uno spazio limitato ai tropici?
Per vivere in una comunitÓ, le specie devono obbedire a determinate condizioni.
I ricercatori hanno tentato di determinare queste regole basandosi su una teoria recentemente sviluppata da Hubbell, chiamata "teoria neutrale", secondo la quale l'appartenenza alla comunitÓ dipende da cinque processi fondamentali: la nascita, la morte, l'immigrazione, la speciazione e la deriva casuale. La teoria assume inoltre che ogni individuo nella comunitÓ, a prescindere dall'identitÓ della specie, possegga gli stessi tassi di nascita, morte, immigrazione e mutazione in una nuova specie.
Gli scienziati hanno modificato questa teoria ipotizzando che il tasso di nascita e quello di mortalitÓ non fossero identici da una specie all'altra, ma dipendessero dalla densitÓ: le specie pi¨ abbondanti avrebbero dunque tassi di nascita inferiori e tassi di mortalitÓ pi¨ elevati. "Di conseguenza - spiega He - quando una specie diventa rara, il suo tasso di nascita cresce e quello di morte si riduce". In altre parole, le specie si autoregolano in modo da far spazio agli altri membri della comunitÓ. I ricercatori hanno sperimentato questo modello usando dati provenienti da sei foreste pluviali tropicali.

Fonte: Le Scienze (05/12/2005)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: comunita, ecologia
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy