Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Mesotelioma pleurico: la triste eredità dell'amianto

Cancro al polmone ai raggi X


A La Spezia il primato, cantieri navali all'origine del fenomeno

Il mesotelioma è un tumore che colpisce le celluli seriose che derivano dalle cellule mesoteliali di rivestimento. Prevalentemente hanno sede pleurica e peritoneale.
Valerio Gennaro, medico responsabile del registro ligure esposti ad amianto, nel convegno dell'Aiea ha mostrato i dati secondo cui nella provincia spezzina i casi di mesotelioma sono superiori alla media anche rispetto a Genova ed altre provincie liguri.
I fattori di rischio del mesotelioma sono l'esposizione (ed in particolare l'inalazione) di amianto, dell’asbesto, l’esposizione al diossido di torio (thorotrast) a scopo diagnostico ed alla zeolite. In particolare, la gran parte (70%) delle fibre inalate viene eliminata con l’espettorato o con le feci. Il rimanente 30% attraversa l’endotelio penetrando nei tessuti interstiziali. Le fibre tendono ad accumularsi prevalentemente a livello del terzo inferiore del polmone in posizione contigua alla pleura viscerale. I macrofagi alveolari sono in grado di trasformare gli idrocarburi policiclici in cancerogeni attivi. L’attivazione dei macrofagi alveolari porta alla produzione di citochine ed alla de-regolazione di alcuni proto-onocogeni, tra cui PDGFB, con successiva proliferazione delle cellule mesoteliali. La dose ed il tempo di esposizione sono in relazione diretta al rischio. Il tumore può svilupparsi a distanza di 20 anni dalla prima esposizione, con un picco di incidenza tra 35 e 45 anni.
Dffusione Mesotelioma
In Italia si contano ogni anno un migliaio di morti per mesoteliomi: colpisce infatti ogni anno due italiani maschi ogni 100.000, mentre la percentuale si dimezza tra le donne (una ogni 100.000).
In passato è stato creato un Registro Nazionale che permette di tenere sotto controllo i nuovi casi e in cinque Regioni (Piemonte, Liguria, Toscana, Puglia, Emilia- Romagna) è molto efficiente.
Il direttore del Reparto di Epidemiologia ambientale dell’Istituto Superiore di Sanità: «Anche a livello internazionale si discute dell’aumento dei mesoteliomi. Negli Stati Uniti i casi erano nettamente aumentati tra gli anni Sessanta e la fine degli anni Ottanta, quando è venuta al pettine la massiccia esposizione all’amianto subita soprattutto durante la seconda guerra mondiale, specie tra gli operai dei cantieri navali dove venivano costruite portaerei e corazzate. I casi sono però diminuiti fin dagli anni Novanta: ciò lascia pensare che il picco della curva epidemica sia già stato raggiunto, che il massimo numero di casi per anni si sia già visto e che ora, grazie alla messa al bando tempestiva dell’amianto, sia iniziata la china discendente».
« I mesoteliomi sono tumori che hanno una scarsa propensione a espandersi nell’organismo e a sviluppare metastasi, ma sono comunque difficili da guarire perché - essendo molto aggressivi a livello locale - sono in grado di determinare danni devastanti già nella sede di insorgenza, vale a dire sulla membrana che avvolge i polmoni» , dice Ugo Pastorino, direttore della Chirurgia toracica dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano.
A seconda della sua estensione possiamo classificarlo in due forme:
Forme solitarie
Le forme solitarie sono silenti per un lungo periodo di tempo. In questa fase sono frequenti sindromi paraneoplastiche quali osteopatia ipertrofizzante pneumica, piastrinosi, ipoglicemia. I primi sintomi che compaiono sono dovuti ad un aumento di volume che provoca disturbi da compressione tra cui dolore e senso di peso.
Forme diffuse
Anche le forme diffuse sono silenti per un lungo periodo di tempo. Con il progredire della malattia compaiono dolore toracico (spesso a fascia con irradiazione posteriore), dispnea prima da sforzo e poi anche a riposo, tosse, febbre, calo ponderale e versamento pleurico emorragico libero o saccato. Nelle fasi avanzate si può avere interessamento mediastinico con paralisi delle corde vocali, sindrome di Horner e compressione delle vene cave.

Redazione MolecularLab.it (27/03/2006)
Pubblicato in Cancro & tumori
Tag: mesotelioma, pleurico, polmoni, amianto
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Studio italiano prova che noi pensiamo con le parole
Prolugato lo stop al mais OGM in Italia
Il ruolo di carne e latticini nel cancro al seno
Un vaccino per la cocaina
Una molecola sintetica contro il mieloma multiplo
Nelle donne il cancro ai polmoni sarà più letale di quello al seno
Cavoli e broccoli utili per prevenire anche il cancro al seno
Arance della Salute, per combattere il cancro anche a tavola
Evento: Dinosauri: icone ed eresie
Evento: La ricerca scientifica tra possibilità e limiti


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy