Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scoperta proteina con effetti anti-aterosclerotici ed anti-diabetici

Placca aterosclerotica: adesione monocita


La proteina sembra avere un ruolo in patologie come il diabete e l'aterosclerosi

Grazie ad una ricerca svolta da Nico Mitro e Cristina Godio, del Laboratorio di Biochimica e Biologia Molecolare dei Lipidi della facoltÓ di Scienze Farmacologiche, UniversitÓ di Milano, con il coordinamento di Enrique Saez dello Scripps Research Institute in LaJolla, California, Ŕ stato scoperto un nuovo meccanismo molecolare che controlla il destino del glucosio nel fegato.
Dopo un pasto, il nostro organismo rileva gli zuccheri in eccesso assunti e attiva la loro conversione da parte del fegato in grassi (trigliceridi) poi accumulati nel tessuto adiposo come fonte di energia. Con lo studio i ricercatori hanno scoperto che il glucosio si lega ad una proteina, la Liver X Receptor (LXR) e la attiva. Il ruolo della proteina Ŕ quello di controllare gli enzimi che trasformano l'eccesso d'energia in trigliceridi.

Quindi LXR funziona come un sensore di glucosio e grazie a questa il fegato riesce a regolare i livelli di zucchero nel sangue.
Il diabete di tipo II Ŕ caratterizzato dall'incapacitÓ di mantenere un corretto livello di glucosio nel sangue ed Ŕ quindi possibile che LXR svolga un ruolo importante in questa patologia. Inoltre LXR regola anche molti geni coinvolti nel metabolismo del colesterolo, tra i quali quelli che svolgono un ruolo protettivo dall'aterosclerosi. Infatti gli ossisteroli, derivati del colesterolo, attivano LXR.
La scoperta che LXR possa essere attivato sia dal colesterolo sia dal glucosio apre nuove prospettive sullo studio di questa proteina come collegamento tra diabete di tipo II ed aterosclerosi, dal momento che spesso patologie legate al metabolismo del glucosio e del colesterolo insorgono in combinazione. Secondo i risultati di studi condotti su modelli animali, l'attivazione di LXR ha effetti anti-aterosclerotici ed anti-diabetici. Questa scoperta apre la strada a nuovi studi per stabilire se i livelli di questa proteina varino in pazienti colpiti da patologie come il diabete e l'aterosclerosi, soprattutto considerando che pazienti diabetici hanno un rischio maggiore di sviluppare aterosclerosi rispetto ad individui sani e potrebbe aiutare a creare una nuova eventuale terapia. La ricerca Ŕ stata pubblicata su Nature.

Redazione MolecularLab.it (24/01/2007)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: LXR, aterosclerosi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy