Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Individuato il gene che predispone all'infarto familiare e all'aterosclerosi precoce

Ateroma  una placca di aterosclerosi


Grazie alla scoperta della variante del gene dell'infarto familiare sarà possibile sapere se si è a rischio

Un team di ricercatori di Medicina Interna del dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università di Verona, in collaborazione con dipartimento di Molecular Cardiology & Cardiovascular Genetics dell'Università di Cleveland negli Stati Uniti (coordinati da Q.K.Wang), hanno scoperto il gene responsabile della predisposizione all'infarto e all'aterosclerosi precoce. Ora, grazie a questa scoperta, sarà possibile capire quali soggetti sono a rischio di sviluppare questa patologia. Il team veronese, composto da Domenico Girelli, Oliviero Olivieri e diretta da Roberto Corrocher, da due anni studia i problemi relativi all'infarto familiare e all'aterosclerosi precoce, cioè quella forma che insorge prima dei 50 anni.
Il progetto prevedeva che gli scienziati italiani studiassero una popolazione di cittadini italiani e i colleghi Usa studiassero una popolazione bianca americana.
La collaborazione ha dimostrato che i pazienti affetti da infarto del miocardio familiare è presente una variante del cromosoma 1 che non è presente nei pazienti colpiti da infarto sporadico. Lo studio ha anche identificato quello che questa alterazione genetica provoca nei portatori cioè una maggiore reazione infiammatoria e un'alta aggregazione piastrinica, entrambi fattori coinvolti nel processo di ostruzione delle coronarie che causa l'infarto.
Corrocher ha spiegato: 'la conoscenza sempre più approfondita del genoma individuale e i suoi rapporti con l'ambiente permette già oggi di predisporre terapie individuali di tipo farmacologico e di individuare in un futuro la possibilità di terapie genetiche. L'infarto del miocardio (familiare e non) è il risultato dell'interazione tra genoma dell'individuo e fattori ambientali. Per questo i fattori ambientali fattori di rischio, come il diabete, il colesterolo, il fumo, l'ipertensione, le infezioni e in generale lo stile di vita, possono causare o meno l'infarto a seconda del corredo genetico individuale'.
Il lavoro italo-americano è stato pubblicato sull'ultimo numero dell'American Journal of Human Genetics

Redazione MolecularLab.it (20/09/2007)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: infarto, aterosclerosi, cuore
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy