Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Nuovo possibile obbiettivo nella lotta contro l'HIV

HIV


Ricercatori dellUniversitÓ della California a San Francisco e dellUniversitÓ di Toronto hanno identificato un nuovo potenziale obiettivo molecolare per combattere linfezione da HIV. Come riferiscon

Ricercatori dell"UniversitÓ della California a San Francisco e dell"UniversitÓ di Toronto hanno identificato un nuovo potenziale obiettivo molecolare per combattere l"infezione da HIV. Come riferiscono in un articolo pubblicato on line sulla rivista "PLoS Pathogens", l"infezione da HIV sarebbe in grado di riattivare i resti di antichi virus, i retrovirus endogeni umani o HERV, che sono divenuti parte del genoma di tutte le cellule umane. Secondo i ricercatori, questa scoperta potrebbe portare allo sviluppo di vaccini che abbiano come obiettivo gli HERV, uccidendo cosý indirettamente le cellule infettate dall"HIV.
"Un significativo limite di un vaccino che abbia come obiettivo l"HIV, Ŕ che di esso esistono moltissime varianti, e che Ŕ in continua mutazione.
Se possiamo trovare un"altra via perchÚ il sistema immunitario colpisca le cellule infettate dall"HIV, possiamo superare questo problema nella messa a punto di un vaccino. Gli HERV sono un buon obiettivo da sondare", osserva Keith E. Garrison, uno degli autori della ricerca.

I ricercatori hanno in particolare osservato che quando i meccanismi biomolecolari di una cellula infettata da HIV vengono piegati al fine di riprodurre questo virus, smettono di avere una funzione di contenimento rispetto all"espressione del genoma "fossile" di queste antiche infezioni virali. E hanno anche potuto rilevare che i linfociti T che riconoscono gli HERV sono differenti da quelli che riconoscono l"HIV.

"Il sistema immunitario fatica a tenere sotto controllo l"HIV, e questo determina una progressione della malattia. Per contro, l"infezione da citomegalovirus (CMV) viene in genere controllata per tutta la durata della vita. Le cellule T specifiche contro Gli Herv hanno molto pi¨ in comune con le cellule T che uccidono il CMV di quanto che non con quelle che attaccano l"HIV. Questa Ŕ una scoperta incoraggiante che suggerisce che i linfociti T HERV-specifici potrebbero essere pi¨ efficaci dei linfociti T HIV-specifici nel controllare il virus", nota Brad Jones, un altro degli autori dello studio.

Redazione MolecularLab.it (17/12/2007)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: HERV, HIV, CMV, retrovirus, citomegalovirus
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy