Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Lievito Ogm per debellare la malaria

Zanzara


Gli esperti sperano di riuscire ad ottenere un efficace farmaco anti-malarico estratto da un'erba cinese con l'ausilio di cellule di lievito ingegnerizzate ad un prezzo molto basso

E' stata messa a punto una nuova molecola per la lotta alla malaria, malattia che colpisce oltre 500 milioni di persone nel mondo e ne uccide 1-3 milioni ogni anno di cui il 90% sono bambini al di sotto dei 5 anni.
I risultati ottenuti dalla ricerca sono stati esposti a Londra, al convegno della Royal Society. Il nuovo farmaco è prodotto grazie ad un nuovo approccio che utilizza la biologia sintetica applicata ad un antico rimedio erboristico cinese, usato da duemila anni. Questa nuova tecnica consente di produrre la molecola con costi decisamente inferiori a quelli necessari per la produzione tradizionale, rendendo il farmaco accessibile anche ai Paesi più poveri. In pratica, dei lieviti geneticamente modificati con l'inserimento di cromosomi artificiali vengono lasciati crescere e proliferare in enormi vasche di fermentazione.
L'obbiettivo è quello di produrre grandi quantità di farmaco con un costo pari ad un decimo degli anti-malarici attualmente in uso. Il farmaco si chiama artemisinina, o dolce assenzio, ed è un estratto di un'erba cinese, l'Artemisia annua che è una pianta delle Asteracee originaria della provincia di Hunan. Questo rimedio è usato dalla medicina cinese da duemila anni ma il procedimento attuale per estrarre la molecola dalla pianta è lungo e molto costoso. I ricercatori hanno quindi pensato di utilizzare per la sua produzione delle tecniche biotecnologiche ed hanno inserito circa 12 geni sintetici in cellule si lievito e poi lasciati fermentare nello zucchero. Le cellule di lievito Ogm attivano una serie di reazioni chimiche che portano alla produzione di acido di artemisinina, che viene poi convertito chimicamente nella molecola pura. Jay Keasling, della University of California di Berkeley spiega: “Il processo è molto simile a quello di produzione della birra anche se qui siamo alle prese con una dozzina di geni ingegnerizzati. Speriamo che questo approccio consenta di distribuire i farmaci a tutte quelle persone che ne hanno bisogno”. Infatti, l'obbiettivo degli esperti è quello di riuscire a creare quantità sufficienti di farmaco in un singolo bioreattore in modo da sopperire, nel giro di due anni, alle necessità di milioni di persone con un costo decisamente inferiore. La speranza è quella di riuscire a debellare la malattia da qui a tre anni.

Redazione MolecularLab.it (06/06/2008)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: artemisinina, lievito, Ogm, malaria
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy