Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

La commissione europea da libertà sulle coltivazioni Ogm

Frumento


Se uno stato è contro l'uso di ogm, può farlo senza andare incontro ad infrazioni

Più libertà ai paesi membri per quanto riguarda le coltivazioni Ogm. E' la decisione a cui è arrivata la Commissione europea riunitasi per decidere sul controverso tema degli organismi geneticamente modificati. In poche parole ognuno faccia come gli pare, il che vuol dire che se un paese è contrario, può decidere in casa propria di evitare le piantine transgeniche senza rendere conto a Bruxelles. In poche parole la proposta del commissario Ue alla Salute John Dalli non fa altro che recepire le indicazioni venute lo scorso febbraio dal presidente Josè Manuel Barroso e dare carta bianca ai paesi europei per vietare al proprio interno la coltivazione di prodotti geneticamente modificati. Di conseguenza nel momento in cui il Parlamento nazionale Italiano o le singole regioni decidono per un "no", non ci sono infrazioni europee cui si rischia di andare incontro. Una decisione, quella europea, che soddisfa chi è contrario in nome della tutela ambientale, ma che al contempo lascia amarezza a chi si dichiara a favore.Una risposta "finalmente chiara all'annoso problema degli Ogm in agricoltura" per la Confederazione italiana agricoltori-Cia.
"Un atteggiamento che dimostra buonsenso, grande sensibilità nei confronti dei cittadini europei e pieno rispetto della sovranità nazionale", dichiara in una nota il presidente della Confederazione Giuseppe Politi. Si tratta di "un fatto estremamente positivo che - aggiunge - il governo comunitario non abbia voluto imporre la coltura del biotech in Europa e, invece, abbia voluto riconoscere, l'autonomia dei singoli stati" in nome della "libera scelta dei cittadini". Un quadro legislativo comunitario che secondo la Confagricoltura finirà invece "per aumentare la confusione, creando disparità di trattamento tra gli agricoltori dei vari Stati membri e disorientando i consumatori". L'organizzazione degli imprenditori agricoli esprime insoddisfazione per la decisione della Commissione Ue di delegare agli Stati membri l'autorizzazione o meno alle coltivazioni biotech. "Non ci è piaciuto l'atteggiamento pilatesco della Commissione che se ne lava le mani e non decide su un tema su cui andava fatta chiarezza", commento l'organizzazione. "Attendevamo da Bruxelles soluzioni univoche per tutti gli Stati membri e un riconoscimento al ruolo della ricerca scientifica che deve essere alla base delle decisioni politiche. Gli Stati membri invece potranno decidere sull'onda delle emotività e delle strumentalizzazioni". Alla fine, secondo Confagricoltura, "si è acuito il 'paradosso degli Ogm' che li vuole importati dall'estero ma non coltivati, come avviene oggi in Italia e in Europa".

Redazione MolecularLab.it (19/07/2010)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: Ogm, coltivazioni
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy