Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Potenziare gli antivirali nei malati HIV che non rispondono alla terapia

Linfociti


Un farmaco antimalarico, l'idrossiclorochina, per il 20% dei pazienti in cui la terapia farmacologica non è del tutto efficace: aumenta i livelli dei linfociti T CD4

La terapia farmacologica per la infezione da HIV non è del tutto efficace in una percentuale non indifferente di pazienti (circa il 20%). In questi individui la terapia non si associa ad una risalita dei CD4: questo provoca un più alto rischio di sviluppare tumori e malattie cardiovascolari e sfocia in una mortalità più elevata.
I CD4 sono i linfociti T che ci difendono da microbi virus e tumori, e sono distrutti dal virus HIV. La distruzione dei CD4 comporta la progressione della malattia e la prognosi del paziente HIV infetto è tanto più favorevole quanto più alto il numero dei CD4. Attualmente non vi sono terapie in grado di fare aumentare in numero di CD4.
Nello studio appena pubblicato sulla rivista BLOOD, il gruppo diretto dal Prof.
Mario Clerici, del Dipartimento Scienze e Tecnologie Biomediche dell'Università Statale di Milano, con l'equipe della Divisione Malattie infettive dell'Ospedale Sacco e in collaborazione con la Fondazione Don Gnocchi ha voluto verificare se un vecchio farmaco antimalarico, la idrossiclorochina, potesse incrementare il numero di queste cellule. Il farmaco è stato scelto per la sua capacità di ridurre la attivazione del sistema immune, causa del deficit di CD4.
I dati hanno dimostrato che idrossiclorochina riduce la immunoattivazione, e ciò si associa ad un aumento dei CD4. Si tratta di un risultato importante perché i dati ottenuti dal gruppo di Clerici indicano come aumentare e modulare la efficacia della terapia antivirale anche in quei pazienti con risposta parziale alla terapia antivirale, che attualmente restano ad aumentato rischio di mortalità e di morbidità.
La quasi totale assenza di tossicità della idrossiclorochina, la semplicità di utilizzo, ed il suo basso costo suggeriscono la possibilità di utilizzare questo farmaco nei paesi in via di sviluppo, questa possibilità verrà verificate nel prossimo futuro

Redazione MolecularLab.it (18/05/2011)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: idrossiclorochina, CD4, linfociti T, Hiv
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy