Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Dubbi sulla conservazione cordone ombelicale per uso autologo

Feto e cordone ombelicale


Basse le probabilità di usarlo, trattamenti ancora da sviluppare, durata della vitalità delle cellule cordonali limitate ed alti costi: meglio la donazione per uso eterologo

"Oltre 60 mila unità di sangue cordonale ombelicale" sono già partite dall'Italia. Destinazione: una delle banche private estere nate per offrire la conservazione autologa a pagamento. Per questo servizio le mamme della Penisola hanno speso "almeno 150 milioni di euro". Esordisce con questi dati sulla 'fuga di cordoni ombelicali' verso l'estero il rapporto Adoces (Associazioni donatori cellule staminali) 2011, curato dal genetista Licinio Contu, presidente della Federazione italiana Adoces.

Gli esperti riuniti per il World Cord Blood Congress invece dicono che le probabilità di utilizzare il cordone ombelicale è pari a 4 su un milione. Quindi affidarlo a banche private per l'uso autologo è inutile.
"Queste banche - ha spiegato Eliane Gluckman, la ricercatrice francese che ha eseguito il primo trapianto di sangue del cordone al mondo nel 1988 - promettono trattamenti che in realtà ancora non esistono. E' molto meglio donare i cordoni per l'uso eterologo".

Il documento, pubblicato online dall'Associazione donatori cellule staminali è già "condiviso da trapiantologi, pediatri, ostetriche e genetisti" e punta a "chiarire l'utilità (o meno) e le implicazioni della conservazione autologa (per sè), possibile solo nelle banche estere". L'intenzione di Adoces è quella di offrire un quadro completo di informazioni ai futuri genitori in procinto di scegliere la destinazione del sangue cordonale del proprio figlio.
"Il dibattito - spiegano dall'Adoces in una nota - è sempre molto vivo in Italia e si arricchisce di nuove dichiarazioni, pareri, proposte di legge volte a promuovere, anche nel nostro paese, la costituzione di banche commerciali per la conservazione autologa. Nonostante tutti i dati disponibili dimostrino che tale pratica manca di basi scientifiche ed è sostanzialmente inutile per i donatori".

Adoces attacca: la conservazione autologa del sangue cordonale è "molto vantaggiosa per le banche private estere e per le agenzie e società di intermediazione affiliate (circa 27) che operano in Italia alla ricerca di mamme in attesa, dalle quali ottenere un contratto per la conservazione del sangue cordonale dei figli". Ma alla fine, evidenzia Contu, "delle circa 60 mila unità esportate dall'Italia fino al 2010, e conservate in banche private estere per eventuali futuri trapianti autologhi, nessuna risulta essere stata utilizzata ad oggi".

Contu controbatte alle argomentazioni delle banche private che promuovono la raccolta autologa e porta a sostegno della scelta di donare il sangue cordonale ombelicale alcuni dati scientifici. Nel rapporto si legge che la pratica della conservazione autologa "è inutile dal momento che ne potrà usufruire solo un bambino su 75-100.000". E ancora: "Le tipologie di raccolta e conservazione del sangue cordonale che hanno una documentata utilità trapiantologica per i malati (compresi i familiari del neonato) sono tutte già garantite ed erogate dal sistema sanitario nazionale, come Livelli essenziali di assistenza (Lea) e quindi gratuite", ricorda il genetista.

Contu spiega anche che la prospettiva di utilizzo di queste cellule crioconservate per terapie cellulari rigenerative, è "da anni in fase di studio e per ora del tutto ipotetica". L'esperto che nel documento invita anche a una "riflessione sull'apparente aumento dei casi di anemia aplastica severa tra i bambini che hanno conservato per uso autologo il sangue cordonale presso le banche private", arriva infine alla conclusione che il fenomeno della conservazione autologa del sangue cordonale "non va sottovalutato, né sotto l'aspetto medico, né sotto quello etico e legislativo. I genitori dovrebbero essere chiaramente informati sulle modalità di raccolta e, in particolare, sui tempi di clampaggio del cordone e sulle possibili conseguenze di questi per il neonato. La sua salute dovrebbe venire prima di qualunque altra esigenza".

La via della donazione solidale (nelle 18 banche pubbliche italiane sono conservate più di 25 mila unità donate) è, secondo il rapporto, "più efficace visto che sono stati possibili, dal 1995 a oggi, 1.035 trapianti con sacche provenienti dall'Italia, di cui 129 solo nel 2010 e 36 nei primi cinque mesi del 2011. E' anche la via più sicura - avverte Contu - in quanto rispetta prima le esigenze del neonato e della madre (clampaggio tardivo del cordone compreso)".

Redazione MolecularLab.it (27/10/2011)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: Adoces, cordone ombelicale, staminali cordonali, ombelico, cordone, banca
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy