Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Il QI sale e scende durante l'adolescenza

Ragazzo al telefono portatile


Le diverse tipologie di intelligenze sembrano correlate ad un maggior densità di materia grigia in specifiche zone del cervello

L'adolescenza è una fase di continui cambiamenti riguardanti lo sviluppo, gli ormoni e lo stress. Ma non è tutto. Una nuova ricerca del Regno Unito mostra come il quoziente di intelligenza (QI), ovvero il punteggio ottenuto a uno dei tanti test standardizzati volti a misurare l'intelligenza, può significativamente aumentare o diminuire durante l'adolescenza. Queste variazioni sono collegate ai cambiamenti che avvengono nella struttura del cervello umano. I risultati, presentati sulla rivista Nature, potrebbero influire sulla valutazione e l'orientamento dei ragazzi in età scolare.

In linea di massima, la gente ha sempre creduto che le nostre capacità intellettuali fossero un fattore stabile nel corso di tutta la vita. I punteggi QI sono stati a lungo utilizzati per prevedere le prestazioni scolastiche dei nostri figli e le loro prospettive di lavoro future. Ma gli scienziati del Wellcome Trust Centre for Neuroimaging presso l'University College di Londra e il Development Neurocognition Laboratory dell'Università di Londra, nel Regno Unito, hanno osservato come il nostro QI non è costante.

Guidati dalla professoressa Cathy Price del Wellcome Trust Centre for Neuroimaging, i ricercatori hanno testato 33 soggetti nel 2004. Questi adolescenti erano tutti sani e di età compresa tra i 12 e i 16 anni. I soggetti sono stati di nuovo sottoposti a test nel 2008, quando avevano 15 e 20 anni. Per entrambe le fasi di prova il team ha utilizzato la risonanza magnetica (MRI) per fare scansioni strutturali del cervello degli adolescenti.

I loro risultati mostrano che i punteggi QI rilevati nella seconda prova variavano significativamente rispetto ai punteggi ottenuti nei test di quattro anni prima. Un numero di partecipanti aveva aumentato le sue prestazioni rispetto ai coetanei di ben 20 punti sulla scala standardizzata del QI.
Altri soggetti hanno registrato un calo nelle prestazioni di un valore simile.

Il team ha anche valutato i risultati delle risonanze magnetiche per stabilire se esisteva una correlazione con i cambiamenti nella struttura del cervello dei partecipanti. Il risultato avrebbe aiutato a chiarire se questi cambiamenti erano significativi, secondo i ricercatori.

"Abbiamo riscontrato un notevole cambiamento nel modo in cui i nostri soggetti hanno eseguito il test di intelligenza nel 2008, rispetto a quattro anni prima", dice l'autore capo Sue Ramsden, anche lei dal Wellcome Trust Centre for Neuroimaging. "Alcuni soggetti hanno ottenuto un risultato decisamente migliore, altri invece uno considerevolmente peggiore. Abbiamo osservato una chiara correlazione tra questo cambiamento in termini di prestazioni e i cambiamenti nella struttura del cervello, pertanto possiamo affermare con una relativa certezza che questi cambiamenti nel QI sono reali."

È stato anche misurato il QI verbale di ogni partecipante; erano inclusi lingua, aritmetica, memoria e cultura generale. Per il QI non verbale il team ha chiesto ai soggetti di individuare gli elementi mancanti di una foto o di risolvere un puzzle visivo. I ricercatori hanno individuato una chiara correlazione con alcune regioni specifiche del cervello.

Un punteggio più alto del QI verbale era correlato con una maggiore densità della materia grigia in un'area della corteccia motoria sinistra del cervello, che si attiva quando si usa la voce per parlare. Un più alto QI non verbale era correlato con una maggiore densità della materia grigia nel cervelletto anteriore che influenza i movimenti della mano. Ma un QI verbale più alto non è correlato con un più alto QI non verbale.

Anche se non è possibile dare una risposta precisa al perché avvengano i cambiamenti nel QI e perché le prestazioni dei soggetti migliorino o peggiorino, i ricercatori suggeriscono che le differenze siano dovute allo sviluppo precoce o tardivo dei partecipanti. Anche l'istruzione potrebbe avere un impatto sul QI che cambia, che a sua volta potrebbe influenzare il modo valutare gli scolari, secondo il team.

"Abbiamo la tendenza a valutare i ragazzi e a determinare il loro corso di istruzione relativamente presto nella vita, ma qui abbiamo dimostrato che la loro intelligenza probabilmente continuerà a svilupparsi", dice il professor Prince. "Dobbiamo stare attenti a non escludere chi ottiene scarsi risultati in una fase precoce, in quanto in realtà il suo QI può migliorare notevolmente entro qualche anno. È un po' come la forma fisica. Un adolescente che è atleticamente in forma a 14 anni, potrebbe essere meno in forma a 18 anni, se ha smesso di allenarsi. Viceversa, un adolescente poco allenato, può ritrovarsi molto più in forma grazie all'esercizio fisico."

Commentando i risultati dello studio, il dottor John Williams, capo di Neuroscienze e salute mentale presso il Wellcome Trust, dice: "Questo interessante studio sottolinea quanto sia malleabile il cervello umano. Sarà interessante vedere se con la crescita e lo sviluppo i cambiamenti strutturali si estendono oltre il QI ad altre funzioni cognitive. Questo studio ci invita a riflettere su queste osservazioni e su come esse possono essere applicate per capire meglio ciò che accade quando gli individui sono colpiti da malattie mentali."

Articolo:
Ramsden, S., et al. (2011) "Verbal and non-verbal intelligence changes in the teenage brain", Nature, pubblicato il 19 ottobre. DOI: 10.1038/nature10514.

Fonte: Cordis (09/11/2011)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: intelligenza, adolescenza, QI
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy