Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

La dieta mediterranea riduce l'infiammazione cronica silente

Pastasciutta al pomodoro


La dieta mediterranea è un arma di prevenzione da patologie cardiovascolari e neurodegenerative, la scoperta di oggi indica i vantaggi anche per le malattie croniche degenerative

La Dieta mediterranea, ormai affermata in tutto il mondo e celebrata come una potente arma di prevenzione contro gravi patologie, da quelle cardiovascolari a quelle neurodegenerative, segna oggi un altro punto a suo favore. Secondo uno studio condotto da ricercatori dell'IRCCS Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed di Pozzilli, in Molise, questo modello alimentare potrebbe infatti portare vantaggi anche per quella forma di infiammazione cronica non ancora manifesta a livello clinico, oggi ritenuta un fattore di rischio comune a numerose malattie croniche degenerative.
I risultati della ricerca, pubblicata sulla rivista statunitense Blood, considerata la più importante a livello internazionale nel campo dell'ematologia, vengono dal progetto Moli-sani, il grande studio epidemiologico condotto in Molise su 25mila persone.
"L'infiammazione silente o subclinica è una condizione cronica a cui tutti siamo più o meno esposti – spiega Giovanni de Gaetano, Responsabile del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell'IRCCS Neuromed – Non stiamo parlando di fasi acute, come un'influenza o una polmonite ma piuttosto di uno stato silente in cui tutti, in vario grado, ci troviamo. Questo stato infiammatorio si rileva generalmente analizzando il livello di alcuni marker, come ad esempio la proteina C reattiva, o anche il numero di piastrine e di globuli bianchi (leucociti) nel sangue.
Ma se per la proteina C reattiva era stata segnalata un'associazione con l'alimentazione, per i leucociti e le piastrine nessuno ancora aveva provato a testare se esistesse un rapporto diretto con ciò che mangiamo ogni giorno".
"I nostri dati – spiega Marialaura Bonaccio, principale autrice dello studio - indicano che la dieta mediterranea riduce significativamente il numero delle piastrine e dei leucociti. Questo ci fa pensare che una sana alimentazione induca una riduzione del livello di infiammazione sub-clinica".
"E' importante considerare – sottolinea Licia Iacoviello, Responsabile del Laboratorio di Epidemiologia Molecolare e Nutrizionale dell'IRCCS Neuromed - che la popolazione oggetto di studio non aveva alcun tipo di patologia ematologica. Stiamo parlando di valori di conta piastrinica o di globuli bianchi assolutamente normali, ma leggermente spostati verso il basso o l'alto. Questo significa che, pur nell'ambito di condizioni apparentemente normali, piccole variazioni del numero di piastrine e globuli bianchi corrispondono a un diverso stato infiammatorio, che può essere favorevolmente influenzato dalla Dieta mediterranea. Non sappiamo ancora se una condizione infiammatoria silente che ci portiamo dietro per anni possa essere associata ad un diverso rischio di patologie. Il sospetto esiste, ma chiarirlo rappresenta di certo la nostra prossima sfida".
I ricercatori di Neuromed hanno provato anche a capire quali potessero essere i componenti della dieta capaci di interferire con lo stato infiammatorio, ottenendo la riduzione osservata. "Le nostre analisi – dice ancora Bonaccio - indicano che un ruolo fondamentale è giocato proprio dal contenuto antiossidante e dalle fibre di cui questo modello alimentare è particolarmente ricco".
"Questo studio – dice Edoardo Romoli, Direttore Sanitario dell'IRCCS Neuromed - dimostra come la nostra struttura voglia sempre di più avere una visione estremamente ampia della ricerca scientifica in medicina. Lo studio di una popolazione così grande come quella esaminata dal Progetto Moli-sani, che da poco ha trovato la sua collocazione all'interno del nostro Istituto, ci proietta nella vera sfida della medicina del futuro: la prevenzione. Accanto ai nostri laboratori ed alle nostre risorse cliniche, entrambi di livello internazionale, studi di popolazione come questo permetteranno di dare un ulteriore contributo di Neuromed alla salute dei cittadini, non solo del Molise, ma di tutto il mondo".

Redazione MolecularLab.it (03/04/2014)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: dieta mediterranea, infiammazione cronica, proteina C reattiva, infiammaz
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy