Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Test genetico in tossicologia per usare meno animali


Meno animali utilizzati nei test tossicologici, e un approccio decisamente innovativo per lidentificazione dei composti tossici. Sono queste le due caratteristiche principali del nuovo test in vitro

Meno animali utilizzati nei test tossicologici, e un approccio decisamente innovativo per l'identificazione dei composti tossici. Sono queste le due caratteristiche principali del nuovo test in vitro messo a punto e brevettato dall'Itb, l'Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), in collaborazione con l'Universita' di Roma La Sapienza. ''Gli studi condotti in vari laboratori internazionali hanno dimostrato che, sebbene auspicabile, e' attualmente impossibile eliminare completamente l'utilizzo degli animali nella sperimentazione biomedica'' sostiene Paolo Vezzoni dell'Itb-Cnr. ''E' possibile pero', come dimostra la metodologia che abbiamo brevettato, - spiega - diminuire drasticamente il loro uso sfruttando le opportunita' che l'ingegneria genetica mette a disposizione''.
Per verificare gli effetti negativi di un farmaco o di un'altra sostanza potenzialmente dannosa, oggi si ricorre a cellule animali in coltura, in particolare agli epatociti, ossia alle cellule del fegato. Il limite maggiore di questa tecnica e' costituito dalla brevita' della vita degli epatociti. Per ottenerne di piu' 'freschi' e' quindi necessario estrarne continuamente dai topi. ''La metodica da noi realizzata, invece, - continua Vezzoni - consente di ottenere da topi transgenici cellule epatiche, che, grazie all'oncogene c-met, non perdono le caratteristiche dell'epatocita maturo e quindi adatto alla sperimentazione. Ma, nello stesso tempo, una volta raggiunta la differenziazione, non muoiono, insomma sopravvivono indefinitivamente'', sottolinea ancora il ricercatore dell'Itb-Cnr che, con la collega Maria Grazia Sacco e con il gruppo di Marco Tripodi della Sapienza di Roma, e' autore del brevetto. Oltre a ridurre drasticamente il numero di animali sacrificati alla ricerca, il nuovo metodo cellulare diminuisce notevolmente i costi e semplifica la procedura, favorendone l'applicazione anche su composti attualmente non verificati, la cui tossicita' non viene pertanto definita. ''Un brevetto interessante per l'industria, quindi, e attento anche all'accresciuta sensibilita' dell'opinione pubblica sulla tematica della sperimentazione tossicologica'', commenta il Cnr.


Fonte: AdnKronos (05/05/2004)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: tossi%, test genetic
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy